Solomon Nyantakyi ha ucciso con coltello e mannaia: non ha spiegato il motivo

Parma è inorridita dal duplice omicidio commesso dal ventenne calciatore, promessa mancata del calcio. Ha massacrato a colpi di coltello e mannaia la madre e la sorellina di 11 anni.

Solomon Nyantakyi

“Le ho uccise io”

E’ l’ammissione di Solomon Nyantakyi, 21 anni, qualche panchina anche con il Parma in Serie ANfum Patience, 43 anni, la sorellina Magdalene, 11 anni, sono state trovate morte dal fratello Raymond, appena rientrato dal lavoro. Il dramma si è consumato a San Lorenzo, nei pressi dalla stazione.

Per il Procuratore capo Antonio Salvatore Rustico, Solomon avrebbe agito da solo.  Dopo aver ucciso la mamma e la sorellina avrebbe anche tentato di ripulire le armi usate e avrebbe messo a soqquadro la casa. Forse per cercare denaro che non avrebbe trovato. In tasca a Milano gli sono stati trovati pochi euro. Avrebbe forse simulato un omicidio per rapina, da parte di un estraneo.

Il movente di Solmon

Al momento l’omicida non parla. Dalla stazione di Milano è stato tradotto al carcere di San Vittore. Ma non ha spiegato il movente di questo brutale efferato omicidio. Ha agito sotto l’effetto di droghe (in passato ne avrebbe fatto uso). Cercava dei soldi (pare che siano stati trovati dei portafogli aperti e svuotati). Era depresso (hanno raccontato gli ex allenatori). Tutte ipotesi. Solo lui può spiegare il perchè di questa mattanza.

Lascia un commento