Berlusconi si vanta di essersene fatte otto a Capodanno

Il linguaggio di Berlusconi, nelle telefonate a Gianpi Tarantini, è sempre lo stesso.Davvero sconcertanti, se qualcosa può ancora sconcertare in questa vicenda da trivio. Il presidente del Consiglio, al telefono con Gianpaolo Tarantini, racconta il 1° gennaio 2009 la sua serata di Capodanno appena conclusa, dopo essersi scambiato gli auguri con l’imprenditore barese.”Erano 11 ma me ne sono fatte solo 8…”. “Erano in 11 e io me ne sono fatte solo 8 perché non potevo fare di più… Non si può arrivare a tutto. Però stamattina mi sento bene, sono contento della mia capacità di resistenza agli assedi della vita”. Questo uno dei passaggi. In un altro Berlusconi assicura che le donzelle della sua corte erano “tutte foraggiatissime”. “Belen non me la sono fatta, sta con un mio calciatore”. Berlusconi al telefono è un fiume in piena. Dalle 100.000 intercettazioni di Bari ancora non si sa quante altre conversazioni “piccanti” possono uscire. Ma si sospetta che siano una valanga. Il calciatore di Berlusconi (e all’epoca di Belen) è Marco Borriello, l’attuale attaccante della Roma che ha avuto un’intensa love story con la bella e brava show girl (poi tornata con Corona). Proprio con la soubrette argentina Berlusconi avrebbe avuto uno scambio di telefonate, grazie all’amico Tarantini che in occasione di una serata avrebbe chiamato la showgirl passandola al premier. “Mi piaci molto, ma come mai è finita la storia con Borriello?”, le avrebbe detto. La Rodriguez non nega di aver preso parte a una festa a Villa Certosa: “Eravamo una cinquantina: Lele, tronisti, forse Fede. Venne a prenderci un bus. Ci fece fare un tour della casa, immensa. Nell’anfiteatro una banda suonava. Abbiamo cantato tutti. Io “Bésame mucho” con Apicella”. Insomma, qualche serata in compagnia del Cavaliere Belen l’avrebbe trascorsa, ma a suo dire niente bunga bunga e solo canzoni tra amici. Dal campionario delle escort gradite al presidente del Consiglio emergono altri particolari. Si sa che Berlusconi, ad esempio, le preferisce “esilo e coi tacchi”. Mentre Gianpi non finiva di chiedere favori, anche politici. “Ho più di 25 anni – dice in una delle intercettazioni – fammi candidare in Europa”. Un altro dettaglio emerge, inoltre, non dalle intercettazioni ma da una testimonianze di una delle partecipanti alle feste di Arcore. Si sapeva già di Nicole Minetti in versione sexy-crocerossina (o sexy suora, non si è capito bene). Non si sapeva ancora che Berlusconi giocasse, con la croce che la Minetti ostentava sulla divisa, con il seno della bella ragazza (consigliera regionale della Lombardia, del listino Formigoni). Decisamente borderline le serate del bunga bunga. Tra gli indagati anche Sabina Began soprannominata l’ape regina; a detta di molti la preferita del presidente del Consiglio (ha un tatuaggio sulla caviglia con scritto “S. B. l’uomo che mi ha cambiato la vita”). Nella lista compaiono, oltre a Tarantini e al fratello Claudio, anche l’avvocato brindisino Salvatore (detto Totò) Castellaneta e l’amico di Gianpi, Massimiliano Verdoscia. Tre le ragazze iscritte nel registro, oltre la Began: Francesca Lana e Letizia Filippi. Tutte si sarebbero date da fare per reclutare ragazze e favorirne la prostituzione. Nei 28 capi di imputazione sono citate molte ragazze già apparse nei mesi scorsi, tra cui anche alcune coinvolte nell’inchiesta milanese su Ruby. Ci sono Terry De Nicolò e Carolina De Freitas, Francesca Lana e Barbara Montereale e poi ancora Daniela Lungoci, Niang Kardiatau (detta Hawa), Karen Margaret Buchanan, Manuela Arcuri, Camille Cordeiro Charao, Chiara Guicciardi, Sara Tommasi, Fadoua Sebbar, Vanessa Di Meglio, Sonia Carpentone (detta Monia), Roberta Nigro, Maria Josefa De Brito Ramos, Grazia Capone, Luciana Francioli De Freitas, Michaela Pribisova, Marystell Polanco, Michelle Conceicao dos Santos, Cinzia Caci (detta Mariasole), Ioanna Visan, Barbara Guerra, Patrizia D’Addario, Lucia Rossini e una certa Marica.