Mi ‘ndì futtu i cu’ mori e cu’ campa

Cumpari Cicciu no’ hia a nuju funerali

picchì si vidia ‘a bara si sintia mali

A mugghjeri quandu mori ‘nc’unu cristianu

e bonu u vai u ‘nci duni ‘na manu

Cumpari Ciccio si spagnava da morti

e dicia mi’ndì futtu di cui havi ‘sta sorti

Mindi futtu di cui mori

a mia diji no’ mi doli u cori

Passanu i jorna e l’anni

e puru Cicciu arrivo a ottant’anni

Ma quandu era malatu ‘ntò lettu

accantu havia sulu u cani predilettu

A mugghjeri videndu ca’ pocu rispirava

chiamandu u previti u rimproverava

” Vidisti Cicciu non c’è nuju u ti trova

mancu u ti portanu dui frischi ova

‘Ntà vita no’ facisti mai duviri

e mo’ cui ti accumpagna aundi hai a iri

Mancu quattru amici u ti portanu ‘ntà bara

mo’ ‘a vidi ca’ all’urtimu ‘a vita è amara ”

Cicciu no’ riuscia u parra e ‘ntè sacramenti

u previti ‘ncì circò i pentimenti

Dissi cu’ l’urtimu fiatu ” Mi dispiaci ca’ mindi vaiu

e ca’ non nc’è Tiziu o cumpari Caiu

Prima dicia mi’ndì futtu i cui mori

ca havia debuli u cori

Ma mo’ chi ragiunu ancora di testa

vi dicu sulu mi’ndì futtu i cui resta.

 

 

Me ne frego di chi muore e di chi vive

Compare Ciccio non andava a nessun funerale

perché se vedeva la bara si sentiva male

La moglie quando muore qualche cristiano

e bene che tu vai a dargli una mano

Compare Ciccio aveva paura della morte

e diceva me ne frego di chi hai questa sorte

Me ne frego di chi muore

a me di loro non mi duole il cuore

Passano i giorni e gli anni

e pure Ciccio arriva ad ottant’anni

Ma quando era ammalato nel letto

accanto aveva solo il cane prediletto

La moglie vedendo che poco respirava

chiamando il prete lo rimproverava

” Hai visto Ciccio non è venuto nessuno a trovarti

neanche a portarti due uova fresche

Nella vita non hai fatto mai doveri

e adesso chi ti accompagna dove devi andare

Neanche quattro amici per portarti nella bara

adesso la vedi che la vita è amara ”

Ciccio non riusciva a parlare e nei sacramenti

il prete gli cerca i pentimenti

Dice con l’ultimo fiato ” Mi dispiace che me ne vado

e che non c’è Tizio o compare Caio

Prima dicevo me ne frego di chi muore

perchè avevo debole il cuore

Ma adesso che ragiono bene di testa

vi dico me ne frego di chi resta “.

Nella vita si ha sempre paura di qualcosa e si cerca di enfatizzarla. Si fa finta che non esiste, come la paura della morte. “Mi’ndì futtu di cui mori” proprio per la paura di vedere l’amico immobile e non potergli più parlare, evita di portargli l’ultimo saluto. Così anche quando si rende conto che è  arrivato il suo momento, la stessa paura fa si che non manifesti l’amore e le preoccupazioni per chi gli sopravvive e di “cu’ campa”. Questo fa riflettere sul perché di alcune frasi su come si enfatizza la paura della morte cercando di sminuirla fino al punto di non mostrare interesse per la vita degli altri. Vera protagonista è la paura che ci rende soli.