Roma Capitale, ferragosto in carcere ciclone di polemiche su Nitto Palma

Nitto Palma è stato in grado di “agitare” le carcere italiane con le “scelte” sulle visite da effettuare. Il Ministro, infatti, in mattinata si è presentato in forma “privata” a Rebibbia, dove ha visitato il braccio maschile e quello femminile, dove ha ricevuto applausi. L’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) ha promosso la visita “a sorpresa” di Palma a Rebibbia, perché ha evitato al personale l’impegno a ferragosto per l’allestimento di una passerella annunciata. Esattamente la critica che al ministro muove il Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria, l’organizzazione più rappresentativa della categoria con oltre 12 mila iscritti, per la visita di Palma a Regina Coeli, accompagnato dal sottosegretario Gianni Letta. Donato Capece e Giovanni Passaro, segretario generale e segretario provinciale di Roma del sindacato, giudicano “inopportuno” l’annunciato arrivo del Guardasigilli tra le mura del carcere trasteverino, per il quale “è stato richiamato in servizio il personale di polizia penitenziaria, sopprimendo  giorni di ferie e riposi settimanali”. “Per la conferenza stampa dell’onorevole ministro – si legge ancora nella nota – il carcere ha subito pulizie straordinarie, è stato ornato con piante e tappeti. Il tutto, con dispendio di svariate ore di lavoro straorinario, che chissà quando saranno retribuite a causa degli scarsi fondi. E poi, ci si lamenta dello sperpero di risorse della pubblica amministrazione. Sarebbe stato responsabile visitare la struttura penitenziaria senza alcun preavviso, in modo tale da prendere coscienza della criticità ed emergenza delle carceri, dove si ha un rapporto 1/200 agenti/detenuti e le garanzie poste dalla Costituzione sono calpestate”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin