Referendum al Porto di Gioia Tauro, insensate provocazioni che servono solo ad alimentare tensione

“Mentre continuano le operazioni di voto al Porto di Gioia Tauro e, grazie ad un altissima partecipazione   si sta registrando uno dei momenti più alti dell’espressione di democrazia e trasparenza che abbia mai vissuto il mondo del lavoro nella Piana ed in Calabria, accadono spiacevoli episodi. Infatti , stamane, si sono vissuti momenti di tensione e si sono registrati baruffe tali da far intervenire le forze dell’ordine,  quando alcuni lavoratori,avendo deciso di riprendere  lavoro, si apprestavano a salire sul bus per raggiungere  la zona operativa. Riteniamo che sia sempre sbagliato non dare spazio alla libertà di scelta rispetto ai modi democratici di rappresentare una protesta  per manifestare liberamente . E’ per noi stato importante rispettare e condividere, alcuni giorni fa, la scelta spontanea di fermare il porto all’atto della rottura della trattativa. Riteniamo , però,altrettanto rispettosa la scelta dei lavoratori di riprendere le attività in presenza di una consultazione referendaria   e subordinare  la valutazione di ogni iniziativa anche all’esito delle urne. E’ perciò insensato, fuor  di luogo agire anche  indirettamente e  rischiare di favorire situazione di contrasto e tensione tra il personale, lavoratori  che già vivono una forte situazione di disagio per la pesante crisi che sta vivendo il Porto di Gioia Tauro. Come Cgil e Filt invitiamo tutti ad abbassare i toni, ad emarginare comportamenti e provocazioni lontani dalla legalità e dalla democrazia. Noi , come Organizzazione Sindacale Confederale non abbiamo mai pensato di costruire il consenso ed ampliare la nostra  rappresentanza  cavalcando l’onda della variabile del dissenso. E’ questo il momento, invece, di grandi assunzioni di responsabilità per consolidare le  basi di una ripartenza del Porto al fine di incalzare la politica le  istituzioni, affinché si realizzino le condizioni per far uscire Gioia Tauro da questa grave situazione. Al di là del risultato referendario , che è solo una condizione di base, la lotta continua per  difendere il lavoro ed i diritti e far uscire il nostro territorio dall’isolamento. Gioia Tauro è in Italia e in Europa e deve continuare ad aver il più importante terminal del mediterraneo e diventare la vera piattaforma logistica del paese. Un pensiero particolare di vicinanza và alla famiglia del lavoratore Cecè Furfaro scomparso prematuramente, nelle scorse ore”. E’ quanto scrivono in una nota congiunta diramata pochi istanti addietro Antonino Calogero, Segretario Generale Cgil e Domenico Laganà, Segretario Generale Fil Cgil.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin