Rivisitazioni, le visioni inconsuete di Galatina

Dal 25 maggio l’anima di Galatina è colorata dalle visioni inconsuete della consuetudine di Rivisitazioni. Queste interpretazioni del quotidiano urbano ad opera di 40 giovani talenti locali della fotografia e della scrittura fanno capolino nelle strade del centro storico cittadino, chiedendo ai cittadini una occasione di incontro con la propria città. Questa mostra a cielo aperto di fotografia e scrittura itinerante in cinque città pugliesi (Barletta, Altamura, Martina Franca, Galatina e Taranto) punta sul turismo indigeno quale prima forma di promozione delle nostre città: se il pugliese stesso è innamorato della propria città, sarà il primo promotore della nostra terra. Il progetto, a cura dell’associazione culturale Linfattiva, è risultato vincitore del bando regionale Principi Attivi 2010 – giovani idee per una Puglia migliore, collocandosi in 18ma posizione. Lungo il cammino di Rivisitazioni si è costruito e rafforzato un fittissimo reticolo di “attivisti del territorio”, fatto di associazioni culturali locali, di enti per la promozione del territorio, di istituti scolastici, di talenti della fotografia e della scrittura che hanno contribuito a rinsaldare il legame tra città e cittadino attraverso una serie di iniziative tematiche complementari organizzate in ogni città. Galatina è stata letteralmente inondata dall’entusiasmo e dalla creatività degli studenti dell’Istituto d’Arte G.Toma che il 26 maggio 2011 hanno dedicato a Rivisitazioni la giornata dell’arte; il 27 maggio è stata la volta di un interessante laboratorio di scrittura creativa a cura di Ezio Del Gottardo e Salvatore Patera ospitato dal circolo Arci Kilometro Zero. Sabato 28 maggio è stato proposto  un percorso per le antiche corti del centro storico guidato dalla prof.ssa Vincenza Fortuzzi e studiato da Rivisitazioni per Tribù di Oikos. Domenica 29 è toccato a Visioni Urbane, un’escursione fotografica in collaborazione con l’associazione fotografica Obiettivi, Salentoyou e Angela Beccarrisi. Ad animare il centro di Galatina ci sarà ancora, il 2 giugno alle 18.30 una performance di danza urbana dionisiaca a cura di Carlotta Indraccolo e con Dionisia Masciullo per Oistros C. F. Danza accompagnata dal violinista Giorgio Doveri e dal percussionista Giuseppe Delle Donne a cui seguirà un reading su vino e territorio a cura di Paola Congedo (Biblioteca Giona – Presidio del libro Noha) e una degustazione di vini curata dall’Associazione Turistica del Vino con un aperitivo a base di piatti tipici salentini presso il Covo della Taranta. Venerdì  3 giugno ci sarà “Paginedipaese “ un laboratorio urbano per bambini dai 5 ai 7 anni (e per gli adulti che vorranno lasciarsi coinvolgere) curato da Paola Congedo, con la scrittura del Muro Nomade a da parte di Fedele Congedo per Città Fertile. La manifestazione si chiuderà in concomitanza di “Galatina in fiore” con l’adozione di alcuni cortili da parte degli studenti del Liceo Artistico Toma.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin