Disturbi del sonno: quali sono le sostanze naturali migliori per combatterli

208

Parecchie scadenze sul lavoro, un periodo molto intenso da un punto di vista personale o familiare, preoccupazioni di natura diversa frequentemente si traducono in disturbi del sonno: possono essere più o meno gravi e più o meno duraturi, ma quasi sempre hanno come risultati malesseri fisici come stanchezza, irritabilità, fame ed è per questo che andrebbero affrontati adeguatamente e in tempo. la buona notizia è che ci sono anche ottimi rimedi naturali per il sonno: agiscono in maniera diversa e possono avere effetti più o meno duraturi, ragione per cui vale la pena provare a conoscerli più da vicino.

I migliori rimedi naturali per il sonno: dalla melatonina alla grifonia

Nel caso della melatonina benefici ed effetti positivi contro i disturbi del sonno sono strettamente legati al fatto che questo ormone è tra quelli maggiormente implicati nella regolazione dei cicli circadiani e cioè, semplificando molto, in quei cicli da cui dipendono il sonno e la veglia, il senso di fame, eccetera. Prodotta in condizioni normali dall’ipofisi, la melatonina è in circolo nell’organismo umano in quantità diverse durante la giornata e, più nel dettaglio, in quantità maggiori durante la sera rispetto al giorno. Abitudini sbagliate come, per esempio, restare in ambienti molto illuminati o esporsi alle luci blu di tablet e simili anche nelle ore più tarde della sera o essere costretti a restare svegli nelle ore notturne perché si lavora a turni può alterare la produzione di melatonina e rendere necessaria una sua integrazione tramite integratori per il sonno appunto.

Nei prodotti nutraceutici di questo tipo la melatonina è in genere associata ad altre sostanze come la melissa. Ha in generale proprietà rilassanti che possono essere sfruttate per favorire la calma e il relax, preludio fondamentale a un buon riposo. Può agire, però, anche da antispastico ed è una proprietà utile soprattutto quando la difficoltà a dormire è collegata a forme di ansia somatizzate con spasmi a livello muscolare o gastrointestinale per esempio.

Altra sostanza quasi sempre presente negli integratori per dormire è la passiflora, anch’essa dotata di proprietà distensive e calmanti.

La camomilla, tra i più diffusi rimedi casalinghi contro l’insonnia e le difficoltà a dormire, è efficace in realtà soprattutto quando le difficoltà a dormire e l’ansia da cui sono alimentate si manifestano soprattutto con sintomi dolorosi, ancora una volta a livello gastrico per esempio, avendo come ha un effetto essenzialmente antinfiammatorio.

Più spesso, così, gli integratori per dormire di ultima generazione sostituiscono o affiancano alla camomilla altre sostanze naturali più specifiche contro i disturbi del sonno come la grifonia. Si tratta di un arbusto originario dell’Africa che presenta grossi semi racchiusi in baccelli rosso-verdastri. È proprio dagli ultimi che viene estratta una sostanza, il 5-idrossitriptofano, implicata nella sintesi della serotonina: il famoso ormone del buon umore. Regolando il tono dell’umore e contribuendo a ridurre gli stati di stress e ansia, il 5-HTP è un ottimo alleato del sonno, perfetto da utilizzare sia quando si abbiano problemi ad addormentarsi e sia in caso di disturbi come risvegli notturni e/o sonno senza riposo.