Coppa Italia serie C (quarto gruppo) prima giornata turno unico ad eliminazione diretta. Passa il turno il Crotone dopo i calci di rigore

438

 

Crotone   2 (5)

Messina   2 (3)

Marcatori: 30° Berto, 54° Rojas, 71° Pannitteri, 76° Kanote. Rigori realizzati da Gomez, Giron, Pannitteri. Per il Messina Fiorani. Dini ha parato due tiri dagli undici metri.

Crotone (4-3-3): Dini, Mogos, Papini, Yakubiv (Giron), Crialesi, Giannotti, Carraro (Vitale), Rojas (Awua), Pannitteri, Bernardotto (Gomez), Panico (Cantisani). All. Lerda

Messina (4-3-3): Lewandowski, Berto, Fofana, Iannone (Fiorani), Zuppel (Grillo), Konate, Ferrini (Trasciani), Angileri, Versienti (Fazzi), Napolitano, Mallamo (Balde). All. Auteri

Arbitro: Fabio Rosario Luongo di Napoli

Assistenti. Antonio Caputo – Pierpaolo Vitale

Quarto giudice: Francesco D’Andria di Nocera Inferiore

Ammoniti: Ferrini, Yakubiv, Dini, Giannotti

Angoli: 3 a 2 per il Messina

Recupero: 3 e 5 minuti tempo regolare- 1 e 1 tempi supplementari

Spettatori: 869 incasso euro 3.960,00

Mister Gaetano Auteri non si presenta in sala stampa ed al suo post il secondo Daniele Cinelli. L’assenza di Auteri perché, forse, non voleva affrontare gli addetti all’informazione dopo le dichiarazioni che il tecnico del Messina aveva rilasciato alla stampa subito dopo la sfida col Catanzaro in campionato. Partita persa con un ampio scarto di gol. In quell’occasione, nel post partita, Auteri aveva dichiarato che tifa Catanzaro perché vinca il campionato e vada in serie B. Affermazioni che fatte dal tecnico della squadra sconfitta, lasciano spazio ad interpretazioni vari.

La prima di Coppa Italia programmata per il ventuno agosto, giocata quarantatre giorni dopo quando sonostate evase già sei incontri del regolare campionato.

Per ogni squadra le prime partite di Coppa dovevano essere propedeutici all’inizio della stagione e consentire ai vari tecnici di valutare in partite ufficiali il livello di preparazione dei giocatori a disposizione. La prima di Coppa è stata comunque utile per consentire a chi, nelle precedenti giornate, aveva giocato pochi minuti o nessuna presenza. Crotone senza gli squalificati Chirico’ e Tumminello e non convocato Kargbo per motivi precauzionali, la formazione iniziale predisposta dal tecnico Lerda, ha visto il debbutto in senso assoluto in questa stagione di Mogos difensore destro al posto di Calapai. Papini centrale destro e Yakubiv (altro debutto) centrale sinistro al posto di Golemic e Cuomo, difensore sinistro Crialesi. Altre novità nell’undici iniziale hanno riguardato Carraro trequartista in mezzo a Giannotti e Rojas (pure lui alla prima apparizione fin dall’inizio). E sempre a proposito di debutto da segnalare quello dell’attaccante Bernardotto nel trio offensivo insieme a Pannitteri a destra, Panico a sinistra. Identica scelta anche da parte di mister Auteri che schiera una formazione diversa nei dieci/undicesimi.

Meglio gli ospiti nella prima parte che si spingono in area alla ricerca del vantaggio. Il migliore pressing del Messina si evidenzia nella conquista di due calci d’angolo nello spazio di un solo minuto nei primi dieci minuti giocati. Crotone poco reattivo in fase offensiva. Quando aggredisce non riempie a sufficienza l’area avversaria con più uomini e questo consente alla difesa messinese di liberare le minacce. Al ventesimo il Crotone segna con Pannitteri ma da posizione di fuori gioco, gol annullato.

Il gol valido del primo tempo lo realizza il Messina con Berto al minuto 30 in seguito al terzo angolo. Vantaggio ospite meritato di fronte ad un Crotone lento in fase offensiva ed impacciato a centrocampo. Le novità schierati hanno evidenziato poca omogeneità fra di loro e questo era prevedibile per non aver mai, o quasi mai, giocato assime un intero incontro. Nessun cambio ad inizio ripresa da parte del Crotone. Pitagorici più  costanti negli scambi nella metà campo avversaria e al minuto cinquantaquattro Rojas da fuori area mette in parità l’incontro insaccando il pallone alla destra del portiere.

E’ sempre il Crotone a fare la partita ed al minuto settantuno passa in vantaggio con Pannitteri che raccoglie una respinta del portiere Lewandoaski effettuata su tiro di Panico. Settantaseiesimo pareggio degli ospiti con Konate  che da dentro l’area calcia indisturbato a rete mandando il pallone alla destra di Dini. Difesa pitagorica assente per l’occasione. Ottantacinquesimo altro esordio nel Crotone, Cantisano al posto di Panico. Novantesimo il porfire Dini evita al Crotone di subire il terzo gol con due respinte ravvicinate su tiri di Napolitano e Balde. Non cambia il risultato e si va ai supplementari. Risultato bloccato dopo i primi quindici minuti, più uno di recupero, e stesso risultato dopo il seconto supplementare. Calci di rigore con il Messina che inizia, si calcia alla porta curva sud. Crotone tre centri e Dini protagonista con due rigori parati.