Sigarette elettroniche: come scegliere quella giusta per smettere di fumare

861

Le sigarette elettroniche non hanno niente a che vedere con quelle analogiche, ed è facile rendersene conto sin dalla prima svapata. Se si ha intenzione di comprare un dispositivo per svapare, quindi, occorre tenere conto prima di tutto del proprio gusto. Il consiglio, per iniziare, è di preferire le e-cig per il tiro di guancia, perché in questo modo ci si può abituare alla nuova tipologia di tiro con cui si ha a che fare, a beneficio del benessere della gola. Qualche colpo di tosse iniziale è più che normale e non deve preoccupare; il vantaggio è che in breve tempo ci si abitua a inalare non più il fumo ma il vapore.

I suggerimenti per iniziare

Un altro suggerimento prezioso è di non voler esagerare, magari con un dispositivo troppo importante o impegnativo, scegliendo invece una sigaretta elettronica che possa essere utilizzata e gestita con più facilità. Il che vuol dire, tra l’altro, non dover impazzire per trovare la giusta ricarica per il liquido o anche solo per rigenerare le componenti che con il passare del tempo si sono usurate. Con il trascorrere delle settimane, poi, si avrà modo di trasformarsi in un vaper professionista, ma all’inizio è meglio richiamare la semplicità tipica di una sigaretta normale. E poi vale sempre la pena di andare per tentativi e di provare.

Dove comprare la sigaretta elettronica

Per comprare una sigaretta elettronica di qualità si può fare sicuro affidamento sullo svapo shop di vapeinitaly.com, che rappresenta la comunità più grande del nostro Paese per i vapers. In questo store online i prezzi proposti sono da outlet. L’obiettivo di Vape in Italy, infatti, consiste nel pubblicizzare la sigaretta elettronica e favorire la diffusione del vaping grazie ad articoli disponibili a prezzi ridotti. Il motivo è molto semplice: le e-cig costituiscono la più efficace soluzione per dire addio alle sigarette classiche. In più, lo shop mette a disposizione anche Vapeback, un programma che premia chi acquista.

Non solo sigarette elettroniche: il liquido

È davvero ampia la possibilità di scelta quando si parla di sigarette elettroniche. La lista di aromi concentrati è decisamente lunga, così come la lista di mix and vape e di vapeshot. Per chi ha scarsa familiarità con questo mondo, tutto ciò all’inizio potrebbe essere perfino un po’ scoraggiante, perché si potrebbe pensare di non riuscire a orientarsi fra le tante proposte a disposizione. I neofiti non possono che affidarsi ai liquidi pronti: in questo caso il solo pensiero è quello di trovare il gusto migliore del liquido per poi scegliere la quantità di nicotina desidera. Per gli esperimenti da piccolo chimico ci sarà tempo.

Come sono fatti i liquidi

Ma qual è la composizione dei liquidi da inalazione? Essi comprendono la glicerina, conosciuta anche come glicerolo vegetale, che serve a generare il vapore, insieme con il glicole propilenico, che permette di amalgamare tutti gli ingredienti, fra cui l’aroma alimentare, che poi è quello che determina il gusto complessivo. La nicotina può essere presente o meno a seconda del desiderio del singolo. Per altro, è possibile scegliere fra varie concentrazioni; quelle più comuni sono da 18 mg per ml, 9 mg per ml, 6 mg per ml e 3 mg per ml. Per capire quale concentrazione scegliere, anche in funzione del proprio stile di svapo, c’è solo un modo: effettuare dei tentativi. Occorre partire dal presupposto che svapare è diverso da fumare; quindi per capire quale sia la gradazione di nicotina migliore è indispensabile provare le diverse alternative in prima persona.

Come trovare la sigaretta elettronica giusta

Il tipo di appagamento che scaturisce da una sigaretta elettronica non può essere paragonato a quello che deriva da una sigaretta classica, né a livello di intensità né dal punto di vista delle tempistiche. In altre parole, servono alcuni tiri in più per riuscire a placare il bisogno di fumare. Il confronto tra le varie proposte sul mercato si deve basare sulla valutazione di tre parametri principali: la durata della batteria, la comodità di manutenzione e la semplicità di utilizzo. Può essere utile scegliere all’inizio un liquido con l’aroma di tabacco, per ottenere una resa aromatica non troppo diversa da quella delle sigarette classiche.