Vittoria. Andrea Palacino e Salvatore Barca morti in A2 a Rogliano: il tir è finito in un burrone e ha preso fuoco

19947

Drammatico incidente stradale nella notte in A2 nel tratto compreso tra gli svincoli di Altilia Grimaldi e Rogliano (Cosenza). Un tir ha sfondato il guardrail sulla corsia Nord dell’Autostrada del Mediterraneo. Il mezzo carico di agrumi è finito in fondo a un burrone ed ha preso fuoco. Gli agenti della Stradale, diretti dal vicequestore Pasquale Ciocca, sono stati supportati dai vigili del fuoco.

Il tir di agrumi era partito da Vittoria (Ragusa) sabato pomeriggio carico di agrumi destinati ai mercati di Milano. A bordo due uomini di 47 e 59 anni. Le vittime sono Andrea Palacino e Salvatore Barca e durante il volo di 70 metri, sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo morendo sul colpo nell’impatto con il terreno. Il mezzo, finito nel dirupo, ha preso fuoco. Le salme delle vittime sono state recuperate e trasferite nell’obitorio dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza.

La direzione delle indagini è stata assunta dai pm D’Andrea e Greco della procura bruzia, sotto la direzione del procuratore capo, Mario Spagnuolo. L’incidente è avvenuto in maniera autonoma sull’autostrada A2 del Mediterraneo, al km 283 direzione nord in prossimità dello svincolo per Altilia Grimaldi, dove un autocarro ha sfondato il guardrail ed è precipitato da 60 metri di altezza. Il mezzo a seguito della caduta ha preso fuoco. Sul posto sono giunti Vigili del Fuoco del comando di Cosenza e del Comando di Catanzaro – distaccamento di Lamezia Terme.

I due autotrasportatori Andrea Palacino e Salvatore Barca, entrambi nati e residenti a Vittoria, rispettivamente di 47 e 59 anni, sono partiti sabato pomeriggio dalla città del ragusano con un carico di agrumi destinato a Milano. L’intervento dei vigili del fuoco è valso alla messa in sicurezza del sito e, con unità Speleo Alpino Fluviale, che hanno proceduto al recupero delle salme dei due passeggeri che si trovano attualmente all’obitorio dell’ospedale di Cosenza. Mentre il mezzo è andato completamente distrutto a seguito della caduta e del conseguente incendio.