Borrelli ha la febbre: sospesa conferenza stampa delle 18

228

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha accusato sintomi febbrili e, a scopo precauzionale, ha lasciato la sede del Dipartimento. A causa di questa lieve indisposizione, comunica la Protezione Civile, a partire da oggi, fino a data da destinarsi, la quotidiana conferenza stampa sull’emergenza Coronavirus delle ore 18 è sospesa. Il Dipartimento della Protezione Civile, continuerà a garantire la massima operatività e, anche per il tramite dell’Ufficio Stampa, a diffondere le informazioni disponibili sull’emergenza in atto. L’aggiornamento dei dati di dettaglio sul monitoraggio sanitario in Italia, verrà fornito attraverso un comunicato stampa che sarà diffuso alle ore 18.

Si aggrava il bilancio dei medici deceduti per l’epidemia di Covid-19

In Italia, secondo quanto fa sapere la Federazione nazionale degli ordini dei medici, si registrano altri quattro decessi. Si tratta di Calogero Giabbarrasi, medico di famiglia di Caltanissetta; Renzo Granata, medico di famiglia di Alessandria; Ivan Mauri, anch’egli medico di famiglia, di Lecco, e Ivano Garzena, odontoiatra di Torino. Garzena è il primo odontoiatra deceduto per Covid ed aveva 49 anni. Il totale sale così a 29 decessi dall’inizio dell’epidemia. Sono però i medici di famiglia ad essere più esposti al rischio contagio. I dati della federazione di categoria rivelano infatti che il 50 per cento dei deceduti era un medico di base.

Il Viminale fa sapere l’attività di controllo sul rispetto delle misure restrittive

Nella giornata di ieri le forze di polizia hanno controllato 228.057 persone. Di queste, 8.310 sono state denunciate per “inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità” e 128 per “falsa attestazione o dichiarazione a pubblico ufficiale”. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 89.845: denunciati 126 esercenti e sospesa l’attività di 13 esercizi commerciali. Salgono così a 2.472.925 le persone controllate dall’11 al 24 marzo, 110.626 quelle denunciate per “inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità”, 2.541 le denunce per “falsa attestazione”, 1.151.202 gli esercizi commerciali controllati e 2.506 i titolari denunciati per “inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità”.