Cuneo. Mostra: da prigionieri a uomini liberi, l’Armata Polacca in Italia 1918-1919

Nell’ambito dei 100 anni delle relazioni diplomatiche fra la Polonia e l’Italia (1919-2019), nonché della ritrovata indipendenza dello Stato polacco dopo 123 anni di oblio e di cancellazione dalle carte geografiche d’Europa, a seguito delle spartizioni fra Russia, Prussia e Austria, la Città di Cuneo accoglie la mostra “Da prigionieri a uomini liberi. L’Armata polacca in Italia 1918-1919 (Z niewoli do niepodległości. Armia Polska we Włoszech 1918-1919)”, realizzata e curata dalla professoressa Krystyna Jaworska, in collaborazione con l’Ambasciata Polacca in Roma, il Consolato Generale Polacco in Milano, il Consolato Onorario di Torino, l’Università degli Studi di Torino e la Comunità polacca di Torino.

L’allestimento, non poteva essere altrimenti, ha sede nel chiostro del Complesso Monumentale di San Francesco, luogo che nel 1862 ospitò gli esuli polacchi in quella che è passata alla storia come la “Scuola Militare Polacca di Cuneo”. La mostra prende in esame la storia della Polonia a partire dalle suddette spartizioni per arrivare al 1918, anno in cui i prigionieri polacchi in Italia dell’esercito austro-ungarico, con la sconfitta delle forze dell’Impero, si radunarono in due centri di raccolta, a Chivasso e a S. Maria Capua Vetere, per formare un corpo d’armata che, unitosi con quello creato in Francia dal generale Haller, permetterà la definitiva liberazione e indipendenza della Polonia.

La mostra è visitabile gratuitamente, dal 16 maggio al 9 giugno, negli orari di apertura del museo, dal martedì alla domenica, dalle 15.30 alle 18.30. Apertura mattutina per gruppi scolastici, su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni: Complesso Monumentale di San Francesco – Museo civico di Cuneo,  Via Santa Maria 10. 0171.634175. museo@comune.cuneo.it. Il Museo Civico – Complesso Monumentale di San Francesco è anche su facebook alla pagina https://www.facebook.com/museocivicocuneo/.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin