Monte Compatri. Omicidio in un appartamento di via Santa Maria Le Quinte

143

Ultime ore dell’anno segnate da un omicidio a Monte Compatri. Uno straniero ha ucciso il coinquilino dopo una lite. Prima lo ha colpito con pugni al volto, poi con una mazza di ferro fino a provocarne la morte. L’efferato delitto è avvenuto nel comune alle porte della città metropolitana di Roma Capitale, nell’area dei Castelli Romani. A trovare la vittima, un romeno di 49 anni, è stato un amico che lo ha visto riverso in casa. Le indagini sono seguite dai militari del Norm e dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Frascati. Il testimone, anche lui romeno, che aveva dato l’allarme, ha riferito ai militari che la vittima, con cui condivideva l’appartamento di via Santa Maria Le Quinte, era stato aggredito da un loro coinquilino e connazionale di 47 anni. Secondo quanto emerso i due stavano litigando per futili motivi. La discussione dalle parole, è passata ai fatti. Il quarantenne ha colpito l’amico con una serie di pugni al volto e poi con una mazza di ferro. Questo il racconto del testimone che ha trovato riscontro nelle indagini dei Carabinieri che, nell’immediato, hanno rinvenuto l’arma del delitto a pochi metri dall’abitazione di via Santa Maria Le Quinte. L’aggressore, dopo la violenza, è fuggito trovando riparo in uno stabile occupato in zona Laghetto, sempre nel comune di Monte Compatri. L’uomo è stato bloccato dai Carabinieri di Frascati. E’ stato sottoposto a fermo indiziato di delitto secondo quanto stabilito dal Pm. Il caso è in mano alla Procura di Velletri che ha aperto un fascicolo per omicidio.