Come evitare imprevisti durante i traslochi: ecco le soluzioni

Imprevisti è sinonimo di traslochi. Infatti quando si è alle prese con un trasferimento ci sono tante variabili da considerare e spesso, anche in un’era digitale e di grandi organizzazioni, si incorre nell’inconveniente. Per trasferirsi evitando al massimo gli eventi imprevisti è bene affidarsi a servizi di traslochi professionali. Ditte serie possono limitare al minimo i disagi sia che si cambi casa o ufficio, sia che si cambi città o Nazione. Sono tutti cambiamenti che possono concorrere ad aumentare lo stress di tutti i giorni. Fortunatamente il mondo del web presenta guide e soluzioni interessanti. Ad esempio su traslochi24.it si possono scegliere le ditte di traslochi più serie per affrontare il tutto con la massima tranquillità e con la minore probabilità di imbattersi in imprevisti. Basta inserire i criteri di ricerca e il motore interno restituisce le soluzioni migliori.

Traslochi: come stare alla larga dagli imprevisti

Ci sono diversi elementi da considerare oltre al costo. Lo staff di Traslochi24.it spiega che il prezzo finale aumenta o diminuisce a seconda dei seguenti fattori: la distanza da percorrere; la città di partenza e quella di arrivo; il mezzo usato per il trasporto; la quantità degli oggetti da trasportare. Infatti un trasloco con un camion non ha lo stesso prezzo di uno via aerea. Pochi scatoloni o decidere di spostare tutti i mobili della casa? Ovviamente incide parecchio sul costo finale.

Si può distinguere tra 4 tipologie di trasloco. Una è quella nella stessa città. L’altra è nella stessa Nazione. Una terza è in Europa. Una quarta è intercontinentale. Li abbiamo elencati in ordine crescente di costo. Per evitare imprevisti sul prezzo bisogna definire con esattezza alcune variabili importanti. Innanzitutto quante sono le cose da trasportare sia in termini di volume sia di pezzi, ma anche in fatto di complessità. Inoltre se serve effettuare smontaggio e smontaggio. Per stare alla larga dagli imprevisti di prezzo basta chiedere sempre un sopralluogo. Così l’azienda può valutare come muoversi.

Altro fattore è il valore della merce e l’assicurazione. Chi deve traslocare mobili di pregio o antichi dovrà mettere in conto una spesa maggiore. C’è anche una variabile che spesso determina imprevisti: la facilità di accesso. Questa si stabilisce sia dal punto di partenza sia a quello di arrivo. Se ci sono scale o ascensori. L’altezza. In taluni casi potrebbero servire rampe o elevatori da strada ma anche chiedere permessi per l’occupazione del suolo pubblico. In determinate situazioni gli imprevisti sono legati al montaggio dei mobili. Potrebbero servire piccoli interventi idraulici o di falegnameria. Se si considerano in anticipo si possono limitare gli imprevisti e anche i costi extra.

Traslochi: calcolare i tempi

Altri possibili imprevisti possono derivare dal calcolo dei tempi. C’è da mettere, infatti, in debito conto anche le distanze da percorrere. Traslocare un bilocale nella stessa città o comunque nell’ambito di un centinaio di chilometri in media richiede uno – due giorni. Spesso però bisogna fare i conti con l’adattamento dei mobili nella nuova abitazione. La più fastidiosa è la cucina.

Se poi si va oltre cento chilometri bisogna iniziare a considerare dai due ai tre giorni lavorativi. Distanze da Torino a Venezia, ad esempio, necessitano di tempi maggiori che quelle da Salerno a Napoli. Sui tempi incidono anche smontaggio e montaggio mobili, ma anche se si sceglie il servizio di inscatolamento o si fa trovare tutto già nei pacchi. E’ possibile anche fare trovare i mobili già smontati e imballati oppure programmare in anticipo questa operazione.

Se poi le misure dell’immobile sono maggiori e, soprattutto, ci sono più cose da trasportare sono necessari non meno di 3 giorni lavorativi. Scegliendo una ditta professionale tutto viene calcolato dettagliatamente. Solo così si possono limitare al massimo imprevisti e disagi e ovviamente risparmiare tempo e denaro e non ultimo stress.

Lascia un commento