Pomigliano. Travolti e uccisi Benigno De Gennaro e il carabiniere Enzo Ottaviano

Due morti nel Napoletano. Le vittime sono un Carabiniere e una guardia giurata. Sono stati travolti e uccisi da un’auto a Pomigliano d’Arco mentre erano in corso degli accertamenti per un incidente stradale. Uno dei militari e la guardia giurata sono morti. Un altro militare è ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. I tre sono stati investiti da una Golf guidata da un ventenne che procedeva ad alta velocità. Altri due carabinieri si sono salvati lanciandosi tra le sterpaglie ai bordi della strada.

La guardia giurata era il conducente della vettura incidentata sulla quale erano in corso gli accertamenti. Il grave incidente è avvenuto alle 23 lungo la strada statale “7bis”, nei pressi dell’uscita di Pomigliano d’Arco. Una pattuglia dei Carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna è intervenuta per procedere ai rilievi di un incidente stradale tra una Opel Zafira e una Hyundai Atos.

Poco dopo è giunta di supporto una pattuglia di militari della Compagnia di Nola. Quando le operazioni erano quasi terminate è arrivata, ad alta velocità, una Golf guidata da un uomo di 26 anni di Sant’Antimo (Napoli), che ha travolto l’appuntato scelto in servizio a Castello di Cisterna, il vicebrigadiere in servizio a Nola e il conducente della Hyundai Atos.

Quest’ultimo, un cinquantenne di Quadrelle (Avellino) è morto sul colpo. L’appuntato è stato trasportato all’ospedale Cardarelli di Napoli dove ha perso la vita poco dopo. Benigno De Gennaro è morto sul colpo. L’appuntato, Enzo Ottaviano, residente a Roccarainola, è stato trasportato a Napoli dove è deceduto. Il vice brigadiere è stato trasportato nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli ed è ricoverato in prognosi riservata, in pericolo di vita. Gli altri due militari invece si sono salvati lanciandosi tra alcune sterpaglie e hanno riportato lievi lesioni. La Golf è stata sequestrata e il conducente denunciato per omicidio stradale. Sono in corso indagini da parte della Polizia Stradale di Nola.

Lascia un commento