Al via il Taormina Film Fest 2018 targato VideoBank

Dopo il brillante debutto con la premiere al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, la 64° edizione del Taormina Film Fest è di scena nella splendida Taormina.

I direttori artistici Silvia Bizio e Gianvito Casadonte, hanno incontrato la stampa per illustrare ulteriori dettagli del programma realizzato in tempi record.

«Mi sono limitata ad allestire un programma in pochissimo tempo – ha detto Silvia BizioQuesto posto coniuga grandi contenuti alla magia dello scenario di Taormina. Avremo 50 film che il pubblico italiano non ha mai visto e troverete delle gran belle sorprese. Abbiamo ospiti che hanno accettato di partecipare in tempi ristrettissimi, venuti per affetto nei nostri confronti e di Taormina. Ho tenuto molto a cercare tanti film diretti da donne che affrontano ogni tema, non solo immigrazione, rifugiati violenza sulle donne, ma anche amore famiglia e tematiche sociali». 

Gianvito Casadonte ha parlato di «una grande avventura. Siamo partiti 20 giorni fa e ci siamo ritrovati insieme a tanti amici produttori che ci hanno preferito con film in anteprima mondiale. È un festival in cui avrete la possibilità di vedere dei film molto forti. Uno in particolare è realizzato un giovanissimo regista, 12 anni, con la sindrome di Asperger – ha aggiunto – Poi Antonello Grimaldi grande cineasta che ha deciso di venire a Taormina. Il film di Cristiano Nania in anteprima mondiale. Grazie a Videobank che ha scommesso in questa edizione».

Si è unito alla conferenza stampa anche l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo, che ancora una volta ha voluto dimostrare il suo interesse al Taormina Film Fest. L’assessore Pappalardo ha ribadito l’impegno e l’attenzione del Governo regionale per il mondo del Teatro, del Cinema e della Cultura finalizzati alla crescita della nostra regione.  «Stiamo puntando come Governo sulla collaborazione dei privati per presentare un brand della nostra terra differente – ha spiegato Pappalardo –  Lo spettacolo aiuta a mostrare una bella immagine della Sicilia. Ci tengo a precisare che non dovete ringraziare il Governo perché per il Governo è un obbligo essere vicino agli imprenditori e persone che con la loro serietà ed il loro impegno lavorano per rendere grande la Sicilia». Evidente il riferimento a Lino Chiechio e Maria Guardia Pappalardo, rispettivamente General Manager e Amministratore Unico di Videobank.

Presenti all’incontro con la stampa anche le produttrici Mharta De Laurentiis ed Eleonora Granata, che insieme a Maria Grazia Cicinotta, Donatella Palermo, e Adriana Chiesa compongono una giuria tutta al femminile.

«Trovo splendida Taormina – ha esordito la presidente De Laurentiissono molto onorata di essere qui. È  la prima volta che sono presidentessa di giuria. Per noi è un impegno molto forte. Siamo cinque donne che vedremo film dall’estero e dall’Italia. Ci sono tante belle cose e temi molto forti. Il cinema è sempre il più grande ambasciatore al mondo. Ecco perché la Sicilia è grande».

Eleonora Granata ha posto l’accento sulla straordinaria impresa realizzata in tempi record. «Faccio parte della giuria con altre quattro donne che stimo tantissimo – ha detto Eleonora GranataCredo che il festival messo insieme in 20 giorni è un’impresa straordianria, realizzabile solo con tanti anni di esperienza alle spalle. Voglio ringraziare Videobank, che definisco eroici, che hanno sostenuto questa sfida contro il tempo».

Nella prima giornata taorminese del festival, al Palazzo dei Congressi sono state inaugurate due mostre fotografiche: “Woman/Actress” di Adolfo Franzò e “Scatto Mentale” di Elisabetta Pandolfino.

La giornata del festival si è arricchita con la proiezione del Film fuori concorso “Viaggio sola” di Maria Sole Tognazzi.

Nel corso della giornata anche le proiezioni di documentari, cortometraggi, film in concorso e fuori concorso. (Tatterdmalion di Ramaa Mosley, Why Knot di Dhruv Dhawan, La libertà non deve morire in mare di Alfredo Lo Piero, Prima che il Gallo canti di Cosimo Damiano Damato, Mercury di khaleel Lee, Pray for Rome di Ilaria Borrelli, L’eroe di Cristiano Anania con Salvatore Esposito e Io, Dio e Bin Laden). Stamani, protagonista del festival è il regista e produttore Terry Gilliam, che inaugura lo spazio “In Conversazione” con Silvia Bizio.

Lucio Di Mauro

Giornalista - Presentatore Conduttore TV - Critico Teatrale e Cinematografico - Iscritto Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani

Lascia un commento