Correre fa bene alla salute soprattutto per chi vive in città

Il contatto con la natura, respirare a pieni polmoni aria salutare. E’ una sensazione molto bella, soprattutto per i runner. Correre è un piacere e fa bene alla salute. La maggior parte dei runner vivono in città. Non tutti possono correre in un’area verde fuori porta. Molte realtà italiane però stanno ovviando creando sempre più verde attrezzato ed ampliando le aree ciclopedonali. Ad esempio a Roma si sta lavorando al Grab (grande raccordo anulare in bici) per chi ama correre e chi va in bici, un vero e proprio percorso che attraversa tutta la Capitale. Si tratta di un tracciato lontano da inquinamento e smog, da auto e moto.

Correre in città: pro e contro

Uno dei principali inquinanti derivato dal traffico delle città è il biossido di azoto. Esso irrita il tessuto polmonare portando potenzialmente infezioni ed irritazioni respiratorie. Sono stati eseguiti degli studi scientifici sui runner. A campione è stata misurata la quantità di idrossiprolina rinvenuta nelle urine, per misurare gli effetti dell’inquinamento ambientale sul tessuto polmonare. E’ sconsigliato quindi correre in città? La risposta è affermativa se si corre in luoghi ad alta concentrazione di smog e soprattutto in giornate dove c’è elevata percentuale di polveri sottili nell’aria. Se però si corre in apposite piste ciclopedonali o in aree verdi come parchi urbani e in giornate con l’aria più pulita, si può notevolmente limitare il rischio di esporsi allo smog, senza rinunciare al piacere di correre.

Chi ama correre in città non deve, quindi, assolutamente rinunciarvi, ma semplicemente assumere delle precauzioni, così come si può leggere su Toprunning. Su questo prestigioso magazine, dedicato ai runner, si ha modo di avere notizia di tutti gli appuntamenti con le corse, incluse quelle urbane, leggere tutti i consigli utili per chi ama correre, approfondire gli aspetti salutari della corsa, incluso l’aiuto notevole per chi deve dimagrire.

Quando in città l’inquinamento è alle stelle, si può optare per la corsa in palestra sul tappeto. Grazie ai bollettini del PM10 dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale si può conoscere il giorno ideale per correre all’aperto in città. Un altro consiglio è quello di evitare le ore di punta. E’ più sicuro correre di giorno. Chi corre di notte deve ricordarsi di indossare una giacca catarifrangente e abiti chiari per rendersi visibile alle auto. Correre in città in ore diurne è più salutare dal momento che l’aria è meno inquinata. E’ possibile anche indossare una mascherina antismog con filtri integrati. E’ sconsigliato, per chi pratica la corsa urbana, indossare auricolari. La musica può fare perdere la concentrazione. Il posto ideale per correre in città è un parco o una villa comunale. Correre fa bene alla salute, è consigliato a tutte le età. Non bisogna mai rinunciare alla corsa, neanche in città. Anzi è soprattutto qui che bisogna trovare gli spazi e gli orari migliori per correre e mantenersi in forma e in salute.

Lascia un commento