Choc a Spineto di Castellamonte. Mauro Mattioda ucciso dalla sorella

Un omicidio ha scosso tutta Spineto di Castellamonte dove Mauro Mattioda è stato rinvenuto cadavere dai Carabinieri all’interno della propria abitazione nel centro del Torinese. Il sessantenne aveva in testa un sacchetto usato dalla sorella di 64 anni per ucciderlo. Per la congiunta è scattato lo stato di fermo per il delitto che sarebbe scaturito dalle crisi depressive di cui soffriva la donna.

omicidioSul posto sono intervenuti i militari dell’Arma per i rilievi utili alle indagini seguite dalla procura di Ivrea.

La prima ricostruzione dei fatti è stata fatta dai Carabinieri giunti sul posto a seguito della segnalazione di un’amica di famiglia a cui la sessantenne avrebbe confidato di avere ucciso il fratello. L’omicida avrebbe contattato l’amica inviando un messaggino sul telefonino. La presunta assassina avrebbe svegliato l’amica nel cuore della notte per avvisarla di quanto aveva appena fatto. Sotto choc tutta Spineto per un dramma familiare sfociato in un omicidio così terribile.

Lascia un commento