Il telefono erotico: intervista a una centralinista

Il mondo del telefono erotico non ha mai conosciuto crisi. Sono sempre tante le persone che ogni anno decidono di chiamare questi call center per dare libero sfogo alle loro fantasie. Quello che viene da chiederci è: come funziona il telefono erotico, chi si trova dietro queste linee e perché ha tanto successo? In questo articolo vogliamo condividere con voi alcune delle informazioni che siamo riusciti a raccogliere.

Abbiamo avuto modo di incontrare una centralinista che lavora per l’appunto in un call center. Ormai lavora da anni come padrona al telefonico erotico e per questo abbiamo deciso di intervistarla per capire insieme a lei come funziona il suo lavoro e perché ha deciso di intraprendere questa carriera.

La nostra centralinista Giulia di giorno lavora come commessa in un negozio di abbigliamento, mentre di notte si dedica al telefono erotico. Sono, infatti, tantissimi gli uomini che la contattano nelle ore serali, solitamente prima di andare a letto per avere un po’ di compagnia e andare a dormire più appagati e rilassati. Giulia ci racconta che gli uomini che le telefonano amano molto sentirsi desiderati da una signorina dalla voce avvenente.

Com’è che Giulia è finita a lavorare in questo call center? La ragazza ha iniziato da giovane perché voleva pagarsi gli studi da sola e le veniva molto naturale parlare al telefono e assecondare le varie fantasie degli uomini che la chiamavano. Alla fine Giulia si è trovata così bene che ha continuato a lavorare per il telefono erotico. La centralinista afferma di aver sempre avuto una buona apertura mentale, per cui per lei non c’è davvero nulla di male nell’assecondare qualche fantasia sessuale al telefono.

Una delle nostre curiosità riguardava soprattutto il perché le persone decidono di pagare per parlare con una ragazza delle loro fantasie erotiche. Giulia ci ha risposto che sicuramente uno dei motivi riguarda il fatto che chi chiama non si sente giudicato. Si sente libero, forse per la prima volta, di poter dire tutto quello che gli passa per la mente senza doversi fare problemi. Spesso gli uomini hanno paura di confidare le loro fantasie a fidanzate e mogli, proprio perché hanno paura di non essere compresi e di essere giudicati molto male. Al telefono chiunque può lasciarsi andare senza freni, sapendo che dall’altra parte c’è una persona disponibile a interagire senza pregiudizi. Gli uomini riescono a raccontare le loro fantasie senza problemi.

Grazie a questo senso di libertà che viene offerto, i telefoni erotici hanno raggiunto una grandissima popolarità. Molto spesso questi call center sono aperti 24 ore su 24, per cui si può chiamare quando più si preferisce. Le tariffe con il tempo sono diventate molto più economiche, anche per chi usa il proprio cellulare. Il telefono erotico è ormai davvero alla portata di tutti. Il suo successo sembra non conoscere una fine e sono tantissime le ragazze che decidono di iniziare a lavorare in questi call center. Il telefono erotico sta offrendo anche nuovi posti di lavoro, pure in un momento di crisi economica.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il telefono erotico: intervista a una centralinista Il telefono erotico: intervista a una centralinista ultima modifica: 2017-03-29T11:06:55+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento