Anoia, minacce di morte a Domenico Luppino direttore della coop Giovani in Vita

Davanti al cancello d’ingresso della cooperativa “Giovani in vita”, che gestisce beni confiscati alla ‘ndrangheta, è stato lasciato un cartello con una croce. La cooperativa aveva già subito l’incendio di un trattore ed un furto di attrezzi. Era stata avviata una raccolta di fondi per far fronte ai danni. Ora l’ennesima intimidazione. L’episodio è stato denunciato ai Carabinieri, che hanno avviato le indagini.

C’è anche una minaccia di morte al direttore generale della cooperativa, Domenico Luppino, nel cartello al cancello di un terreno gestito dalla cooperativa “Giovani in Vita” ad Anoia in provincia di Reggio Calabria.

“L’appezzamento di terreno – è scritto in una nota della Coop – è stato sequestrato dall’autorità giudiziaria e noi gestiamo a titolo oneroso (paghiamo un fitto per coltivare e raccogliere il frutto). La cooperativa aveva subito, l’11 agosto, nello stesso sito il furto di un trattore e di altra attrezzatura depositati in un capannone posto vicino all’appezzamento. Due giorni dopo in un appezzamento di proprietà del direttore generale della cooperativa, Domenico Luppino, sito in San Procopio, è stato incendiato un albero di ulivo centenario ed in altri due che hanno subito lo stesso trattamento fortunatamente l’incendio non si è innescato. Il cartello rinvenuto, appeso al cancello, era attaccato ad una croce ornata da fiori, e nel cartello c’era scritto Luppino devi morire. Inoltre nella strada di accesso al fondo stesso è stato posizionato un grande masso al fine di impedire l’accesso ai nostri mezzi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Anoia, minacce di morte a Domenico Luppino direttore della coop Giovani in Vita Anoia, minacce di morte a Domenico Luppino direttore della coop Giovani in Vita ultima modifica: 2015-08-28T08:59:07+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento