Roma, arrestato Mauro Balini noto imprenditore e presidente del Porto Turistico

Maxi operazione delle Fiamme Gialle capitoline che hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei componenti di un’ampia associazione criminale che farebbe capo a Mauro Balini, noto imprenditore e presidente del Porto Turistico di Roma.

Roma Porto Turistico

Sequestrati beni all’interno del Porto per un oltre 400 milioni di euro. Tra questi ci sono posti barca, parcheggi, strutture amministrative, commerciali e aree portuali.

Le accuse sono di associazione a delinquere e bancarotta fraudolenta. Quest’ultima si riferirebbe allo scioglimento della società concessionaria ATI.

Il Porto Turistico di Roma si sviluppa su una superficie di circa 22 ettari, dispone di 840 posti barca per accogliere imbarcazioni di lunghezza compresa fra gli 8 e i 60 m. articolati in 16 pontili fissi.

Da quando è stato costruito, nel 2001, il Marina ha sempre saputo conquistare il gradimento del turismo nautico nazionale ed internazionale. La struttura è teatro di grandi eventi nazionali ed internazionali come concerti musicali, esposizioni di prestigiose case automobilistiche, regate veliche e sfilate di moda, si è prestata a set cinematografici per spot pubblicitari e scene di film e fiction. Sotto l’amministrazione Alemanno la società concessionaria ha ottenuto le autorizzazioni per lavori di ampliamento finalizzati ad aumentare la capienza della struttura che potrà arrivare ad ospitare 1419 posti barca. A disposizione dei natanti circa 611 nuovi punti di ormeggio per imbarcazioni da diporto di lunghezza compresa tra 12,00 e 70,00 mt. Tra le ipotesi anche la possibilità di accogliere traghetti e navi da crociera.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, arrestato Mauro Balini noto imprenditore e presidente del Porto Turistico Roma, arrestato Mauro Balini noto imprenditore e presidente del Porto Turistico ultima modifica: 2015-07-29T09:47:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento