In coma il pianista Vittorio Nocenzi leader del Banco del Mutuo Soccorso

IL musicista so trova ricoverato nell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Vittorio Nocenzi è stato ricoverato per una emorragia cerebrale. Il pianista, fondatore e leader del gruppo Progressive Rock romano, è stato colto da un malore ed è stato subito trasportato in nosocomio. Pare che le sue condizioni siano leggermente migliorate.

Vittorio Nocenzi sta meglio, anche se non è ancora fuori pericolo. I medici sono fiduciosi che si possa riprendere da solo, il problema che ha avuto è stato anche causato dalla pressione bassa e da altri problemi di salute.

Dopo il malore, Vittorio Nocenzi è giunto presso il pronto soccorso del San Luca di Vallo della Lucania già in coma.

Vittorio Nocenzi è originario di Marino, vicino Roma, ma si reca nel Cilento, a Pisciotta, ormai da più di 26 anni. Secondo le prime informazioni durante il suo soggiorno, ha avuto un malore ed è stato portato all’ospedale.

I sanitari, per precauzione, lo hanno posto in coma farmacologico proprio a causa dell’emorragia cerebrale. Vittorio Nocenzi ha 64 anni e insieme al resto del gruppo è impegnato nel tour “Un’idea che non puoi fermare”, ma in questi giorni si stava riposando nel Cilento in preparazione dei prossimi concerti, il primo dei quali il 15 agosto a Boville Ernica, in provincia di Frosinone, e quello del 22 dello stesso mese allo Sferisterio di Macerata.

In questi ultimi giorni i live erano stati annullati. Il gruppo aveva deciso di registrare un album in studio. La notizia sta tenendo in apprensione migliaia di fan.

A maggio scorso lo stesso Nocenzi, nel corso di una conferenza stampa, aveva presentato la nuova formazione del Banco: Maurizio Solieri, John De Leo, Giacomo Volo, Margary Signorino, Rodolfo Maltese, Tiziano Ricci, Filippo Marcheggiani, Nicola Di Già, Arnaldo Vacca, Vito Sardo, Andrea Priola e Stefano.

La famiglia si era allargata, e a un anno dalla morte della voce storica, Francesco Di Giacomo, la band Progressive italiana ha voluto guardare avanti.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin