Addio allo scrittore Sebastiano Vassalli ligure di nascita piemontese d’adozione

Era nato a Genova il 24 ottobre del 1941, ma ha vissuto a Novara nelle campagne della pianura a Biandrate. Figlio di madre toscana e di padre lombardo, si era laureato a Milano con Cesare Musatti. Dopo un periodo di insegnamento, la via della letteratura.

Il successo arriva nel 1990, con “La Chimera”, un romanzo storico ambientato nel 1628 che narra la storia di un processo (vero) a una strega nella Milano dei “Promessi Sposi”. La chimera a cui allude il titolo del libro altro non è che il Monte Rosa agli occhi dei contadini che, tormentati dall’afa e chini sulle risaie, alzavano gli occhi verso l’orizzonte e vedevano, lontano, il massiccio della montagna innevata.

Tra i suoi libri di maggior successo, “La Notte della Cometa”, biografia-romanzo di Dino Campana, “Marco e Mattio”, “Cuore di Pietra”, “Un infinito numero”. Lo scorso maggio era stato ricevuto dall’accademia del Nobel la candidatura al premio 2015 per la Letteratura.

Sebastiano Vassalli è morto all’ospedale di Casale Monferrato, dove era stato ricoverato per l’aggravarsi delle sue condizioni. Aveva 73 anni ed era malato da tempo.

Vincitore dei maggiori premi letterari italiani, tra cui lo Strega e il Campiello, ha scritto per i più importanti quotidiani italiani.

9 su 10 da parte di 34 recensori Addio allo scrittore Sebastiano Vassalli ligure di nascita piemontese d’adozione Addio allo scrittore Sebastiano Vassalli ligure di nascita piemontese d’adozione ultima modifica: 2015-07-27T10:58:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento