Torino, licenza media per 227 richiedenti asilo

E’ stato reso noto oggi l’elenco delle persone che hanno superato l’esame di licenza media all’interno del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) di Torino. Obiettivo principale del sistema di protezione per i richiedenti asilo è garantire servizi quali l’assistenza sanitaria e psicologica, l’orientamento sociale ed il ricongiungimento familiare, l’accompagnamento sociale e la mediazione culturale con particolare attenzione alle categorie più deboli quali le donne sole con bambini, i minori non accompagnati, le vittime di tortura ed i malati.

Grazie al lavoro congiunto degli operatori dell’Ufficio Stranieri e Nomadi, della Scuola di Formazione Educazione Permanente (SFEP) e del Centro Interculturale è stato possibile concludere in un anno il percorso di formazione e preparazione all’esame presso il Centro Per l’Istruzione degli Adulti (CPIA) “Gabelli” di via Bologna: questi centri forniscono un servizio di accoglienza ed orientamento per ultra quindicenni, e la loro offerta formativa comprende oltre all’acquisizione del diploma di licenza media le iniziative di formazione, l’orientamento al lavoro ed i corsi di lingua italiana per stranieri.

All’esame sono state ammesse 230 persone del progetto SPRAR, 227 delle quali lo hanno superato mentre 3 sono risultate assenti: 64 hanno ottenuto come voto finale 6, 106 hanno ottenuto 7, 48 hanno ottenuto un 8 e 9 sono arrivate al 9. Si tratta del numero più alto di diplomi di licenza media conseguiti finora all’interno del progetto SPRAR, grazie ai quali queste persone potranno proseguire nei percorsi di formazione e professionalizzazione per l’accesso al lavoro.

Lo scorso anno si sono tenuti alla scuola Gabelli, alla biblioteca Levi ed al CPIA di via Bologna corsi di alfabetizzazione e di italiano che hanno coinvolto oltre 400 richiedenti asilo, e più di 300 hanno conseguito l’attestato di lingua italiana.

“E stata per me una grande soddisfazione”, ha commentato il Vice Sindaco Elide Tisi, “vedere come il lavoro coordinato dagli operatori del nostro Servizio Stranieri e Nomadi abbia dato quest’anno risultati così positivi nei numeri e nella qualità”.

“I 227 richiedenti asilo inseriti nello SPRAR che in un anno si sono preparati e sono riusciti ad ottenere la licenza media con voti buoni”, ha concluso il Vice Sindaco, “ci confortano sulla bontà e sull’efficacia dei nostri progetti e del nostro lavoro, e ci rafforzano nella convinzione di proseguire su questa strada”.

Lascia un commento