Genova, Comitato portuale. Richiesta la permanenza di Luigi Merlo alla guida di palazzo San Giorgio

In occasione della riunione del Comitato portuale, su proposta del sindaco Marco Doria, i componenti dell’organismo portuale hanno condiviso il seguente documento: “Il Porto di Genova è di fronte a sfide significative. Bisogna consolidare e ulteriormente migliorare i positivi risultati ottenuti negli ultimi anni.

Devono essere portati a compimento percorsi amministrativi e lavori avviati di grande importanza per lo scalo; basti citare a questo proposito l’iter in corso relativo al piano regolatore portuale. Verrà presto portato in discussione un progetto di riforma della portualità nazionale che deve vedere la nostra comunità capace di interloquire ai massimi livelli.

Per queste ragioni riteniamo che non debba interrompersi ora l’esperienza di Luigi Merlo quale Presidente dell’Autorità Portuale di Genova.

Non sussistono motivi di incompatibilità o di inopportunità a ricoprire la carica né sono scaduti i termini del mandato.

Per questo auspichiamo che il presidente Merlo possa accogliere queste nostre considerazioni che sottoponiamo altresì all’attenzione del governo e in particolare del ministro dei trasporti Graziano Del Rio, convinti dell’importanza della piena legittimazione dell’Autorità portuale genovese e del suo massimo vertice quale espressione delle istituzioni, del mondo imprenditoriale e del lavoro della città.

Marco Doria, Vincenzo Melone, Claudio Burlando, Paolo Odone, Gianni Vassallo, Franco Letrari, Enrico Ascheri, Antonio Benvenuti, Marco Bisagno, Mirella Bologna, Gilberto Danesi, Gian Enzo Duci, Laura Ghio, Marco Odone, Giacomo Santoro”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, Comitato portuale. Richiesta la permanenza di Luigi Merlo alla guida di palazzo San Giorgio Genova, Comitato portuale. Richiesta la permanenza di Luigi Merlo alla guida di palazzo San Giorgio ultima modifica: 2015-06-11T09:58:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento