A Roma i Cinque Stelle si attestano al 30% e doppiano il Pd

Le regionali hanno ridimensionato drasticamente il Pd tornato nei confini bersaniani. Ma il peggio è da venire almeno stando ai sondaggi, ultimo in ordine di tempo quello pubblicato da “Affari Italiani”. Drammatico il quadro a Roma. Se si votasse oggi il Partito democratico raccoglierebbe il 17% a fronte del 30% dei Cinque Stelle. Ai grillini potrebbe riuscire il “colpo” proiettandosi al ballottaggio ma non con i dem bensì con la lista Marchini attestata al 20%.

Fortuna per Matteo Renzi che Ignazio Marino non ha alcuna intenzione di dimettersi nonostante gli scandali di Mafia Capitale. “Io ho cacciato i corrotti e allontanato nelle prime settimane del mandato persone poi finite in carcere. Ho chiuso la discarica di Malagrotta dopo 50 anni e riaperto i cancelli delle spiagge dopo 30. I criminali temono me e la mia giunta”.

Matteo Orfini, presidente del Pd e commissario del partito a Roma, sta iniziando a bonificare i circoli tentando di azzerare i potentati locali. Il Pd prova a salvare il salvabile. Per il Nazareno si tratta di attendere per un paio di mesi, fino al 30 luglio, quando il Prefetto Gabrielli deciderà se sciogliere o no il Consiglio comunale.

Le opposizioni insistono a chiedere le urne. Alfio Marchini rilancia: “Comprendo che il Pd con orgoglio difenda Zingaretti e Marino. Ma i romani non meritano questa agonia: commissariamento e poi elezioni anticipate”.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Roma i Cinque Stelle si attestano al 30% e doppiano il Pd A Roma i Cinque Stelle si attestano al 30% e doppiano il Pd ultima modifica: 2015-06-09T12:31:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento