Palermo, revocati i domiciliari per Nino Dina, Roberto Clemente e Franco Mineo

Revocati dal Gip i domiciliari disposti martedì per i deputati regionali siciliani Nino Dina e Roberto Clemente e per l’ex parlamentare Franco Mineo. Per il Gip, oltre ad essere cessate le esigenze cautelari in quanto i fatti risalgono al 2012, ci sarebbe stato un errore nella contestazione del reato. Gli indagati erano accusati di corruzione elettorale.

Rimangono ai domiciliari l’aspirante consigliere comunale Giuseppe Bevilacqua e il finanziere Leonardo Gambino, accusati anche di corruzione.

Lascia un commento