Roma, satira e sogni di Sergio Staino alla Pelanda

Il Macro di Testaccio ospita, dal 6 maggio al 23 agosto negli spazi de La Pelanda, la mostra antologica Sergio Staino. Satira e Sogni, a cura di Maurizio Boldrini e Claudio Caprara. La mostra ripercorre i passaggi decisivi degli oltre 35 anni di carriera di Sergio Staino, uno dei più amati cartoonist satirici italiani, oltre che regista cinematografico, scrittore, scenografo, e promotore culturale.

Esposte circa trecento opere, tra disegni, acquerelli e lavori digitali, in un percorso che permette di cogliere la vena di narratore e critico acuto del costume nazionale. Visibili anche due grandi  fondali del Teatro Ariston di Sanremo disegnati da Staino per le due edizioni del Premio Tenco del 2006 e 2007 e alcune strisce mai esposte in Italia.

L’evento romano si evidenzia, oltre che per il suo al valore artistico, anche come testimonianza morale e culturale dopo i drammatici fatti di Parigi. Sergio Staino, fraterno amico di Georges Wolinski – il fumettista ucciso a gennaio nell’attacco terroristico alla sede del giornale satirico francese Charlie Hebdo – ha voluto dedicare a questo disegnatore il catalogo della mostra.

Oltre alle opere esposte a La Pelanda, una sezione “satirico-agro-alimentare” della mostra, dal significativo titolo Cavoli a merenda, è allestita da Eataly all’Ostiense. Per una apposita convenzione, i clienti di Eataly Roma potranno usufruire, dietro presentazione di scontrino, di ingresso ridotto alla mostra e sconti nel bookshop. Eataly Roma offre invece a tutti i visitatori della mostra di Staino, dietro presentazione di biglietto d’ingresso, la possibilità di usufruire di sconti.

L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma, in collaborazione con Eataly, Granarolo e Unipol.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, satira e sogni di Sergio Staino alla Pelanda Roma, satira e sogni di Sergio Staino alla Pelanda ultima modifica: 2015-05-06T02:37:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento