Udine, Polizia 2.0 un nuovo modo di comunicare la sicurezza

Consapevoli che i social media stanno assumendo un ruolo sempre più importante nella vita di tutti i giorni dei cittadini, il Comando della Polizia Locale del Comune di Udine diventa sempre più un “Comando 2.0”. Sono stati presentati oggi, 29 aprile, nella sala corsi della sede di via Girardini, i nuovi strumenti di comunicazione messi a punto proprio per ridurre la distanza tra istituzioni, forze dell’ordine e cittadini. Strumenti, come nuove applicazioni per smartphone e tablet o l’uso di Twitter, che avviseranno di eventuali emergenze, controlli, viabilità e molto altro ancora.

“Tutti i nuovi strumenti di comunicazione digitale possibile – commenta il sindaco Furio Honsell – devono essere utilizzati per tenere informati i cittadini sulle problematiche urgenti o di ordine pubblico. Non posso dunque che congratularmi – conclude – con il Comandante Bedessi e l’assessore Giacomini per aver attivato queste nuove modalità di informazione a beneficio della sicurezza di tutti i cittadini”.

Oltre a Twitter, si diceva, sta per essere lanciata anche la nuova “App Città di Udine”, con all’interno proprio una sezione coordinata dalla Polizia Locale. “A maggio – spiega l’assessore all’Innovazione, Gabriele Giacomini – lanceremo ufficialmente la nuova App, che ha l’ambizione di diventare un hub, una piattaforma integrata di informazioni sulla città. All’interno dei tanti servizi che vi si potranno trovare, ci sarà una parte esplicitamente dedicata all’infotraffico. Un tassello fondamentale per migliorare la gestione della sicurezza e della viabilità in un ottica smart e condivisa. Non tutti hanno un personal computer, ma sempre più persone utilizzano uno smartphone. Ecco perché vogliamo rendere concreta – conclude Giacomini – la filosofia del mobile first”.

Prima, concreta, iniziativa, attivata in diretta con il primo tweet lanciato dalla sala operativa del Comando, sarà l’uso di Twitter, uno dei social media più utilizzati al mondo. Nello specifico, l’operatore della sala operativa Polizia Locale (presidiata 24 su 24, 365 giorni all’anno) avrà il compito di inviare un tweet a tutti i follower dell’account @PL_Udine, quando se ne presenti la necessità urgente nell’arco delle ventiquattro ore. In particolare, i “cinguettii” (questo il significato della parola inglese tweet) verranno “lanciati” in caso di incidente stradale sulle direttrici principali, con conseguenze sulla viabilità (indicando anche la gravità del sinistro), o qualsiasi evento che possa avere ripercussione sulla viabilità e per il quale possa essere utile avvisare i cittadini, così che possano evitare la zona. Saranno segnalate anche le variazioni di traffico programmate, ricordandole in questo modo a tutti gli automobilisti nel giorno specifico. Ma i tweet verranno scritti anche in caso di eventi catastrofici di qualunque tipo che possano interessare un gran numero di persone e per i quali l’informazione serva ad evitare inutili allarmismi. Così come anche in tutti quegli accadimenti che possano mettere in pericolo l’incolumità della popolazione in modo da facilitare l’opera dei mezzi di soccorso e di polizia.

“Per questi motivi – spiega il Comandante Sergio Bedessi – il Comando della Polizia Locale di Udine, per una sempre migliore comunicazione con l’utenza e in accordo con sindaco e assessore all’Innovazione, ha deciso di dotarsi di un account Twitter con il quale gestire, come canale integrativo di altri canali di informazione, le comunicazioni di emergenza e massima emergenza con i cittadini. Uno strumento – prosegue – che si affianca alla newsletter quotidiana riservata agli organi di informazione e alle cariche istituzionali del Comune”.

Indicativamente, i tweet legati alla viabilità saranno circa da 1 a 5 al giorno, mentre quelli legati a grandi emergenze potrebbero non superare i 3 l’anno. I messaggi potranno essere ricevuti sia su smartphone, sia su computer e i followers avranno modo di puntare l’attenzione sui messaggi della Polizia Locale di Udine attraverso gli hashtag che verranno inseriti all’interno dei messaggi. Questi potranno essere sia generici, con particolare riferimento alle grandi emergenze (esempio: #terremoto), sia specifici per facilitare l’utenza che ha un interesse a trovare i messaggi utili per la propria vita quotidiana in mezzo a molti altri che sta ricevendo (esempio: #viabilitàudine).

Per quanto riguarda la nuova App Città di Udine, come già ricordato, conterrà un’intera sezione dedicata alla sicurezza e alla viabilità. Nello specifico verranno segnalate le anomalie stradali, come ad esempio la presenza di una buca in una determinata strada, e gli allarmi segnalati anche su Twitter. Una specifica sezione sarà dedicata poi ai controlli, così da avvisare gli automobilisti che in una determinata fascia oraria e in una determinata zona, gli agenti saranno presenti per i controlli sulla velocità, senza ovviamente specificare la via precisa del pattugliamento. “Questo – spiega ancora Bedessi – perché la nostra filosofia non è quella di reprimere, ma di prevenire eventuali infrazioni al codice della strada con tutti i rischi correlati alla sicurezza di automobilisti, ciclisti e pedoni”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Udine, Polizia 2.0 un nuovo modo di comunicare la sicurezza Udine, Polizia 2.0 un nuovo modo di comunicare la sicurezza ultima modifica: 2015-04-29T13:37:16+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento