Modena, Trasparenze 2015 porta anche due spettacoli nel carcere di Sant’Anna

Spettacoli, concerti e laboratori. Nuovi spazi e nuovo pubblico per una selezione della scena contemporanea in luoghi teatrali ed extra-teatrali di Modena, con il teatro che entra in carcere con due spettacoli per i detenuti e la cittadinanza al Sant’Anna. Il Festival Trasparenze, nell’ambito della rassegna Andante, si svolge a Modena dal 7 al 10 maggio a cura del Teatro dei Venti (direttore artistico è il regista Stefano Tè) con il sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena, Comune di Modena e Regione Emilia-Romagna. Il programma e gli obiettivi sono stati presentati, a Palazzo Comunale da Stefano Tè in una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche il vicesindaco e assessore alla Cultura Gianpietro Cavazza, la direttrice del S. Anna Rosa Alba Casella, e la consigliera d’amministrazione della Fondazione Stefania Cargioli.
Il centro delle iniziative è il Teatro dei Segni, con il parchetto prospiciente, in via San Giovanni Bosco 150, attuale sede delle attività della Compagnia “Teatro dei Venti” che nel 2015 compie dieci anni. Appuntamenti anche nella Casa circondariale di Sant’Anna e negli spazi di Drama Teatro (via Buon Pastore, 57) e Čajka – teatro di avanguardia popolare (via della Meccanica, 19).
Giunto alla sua terza edizione, il Festival Trasparenze continua a portare il teatro nei luoghi della vita sociale, aprendo il suo programma con due spettacoli all’interno del Carcere di Modena. Si tratta di “Stasera sono in vena” di Oscar De Summa (7 maggio ore 18.30) e di “Ulisse – indagine su un uomo al di sopra di ogni sospetto” di “Scenica Frammenti” (8 maggio ore 18.30). Gli spettacoli sono stati selezionati per chiamata diretta della Direzione Artistica e attraverso un Bando che ha visto protagonista la “Konsulta”: un gruppo di ragazzi tra i 16 e i 25 anni che negli anni si è consolidato come avanguardia del pubblico attivo. Leviedelfool con “Luna Park”, Gli Omini con “La famiglia Campione” e VicoQuartoMazzini con “Amleto Fx”, sono le tre compagnie entrate nel cartellone del Festival attraverso il Bando e la visione della “Konsulta”.
Il Festival sarà anche un’occasione per presentare nuove produzioni: il 7 maggio la compagnia Lo Sicco/Civilleri, dopo una residenza artistica a Modena debutterà in prima nazionale con lo spettacolo “Boxe”, una produzione Fondazione Teatro della Toscana in collaborazione con Associazione Uddu, Scenica Frammenti e Teatro Biblioteca Quarticciolo; il 9 maggio ci sarà il debutto di Industria Indipendente con “I ragazzi del cavalcavia”; mentre il 10 maggio Teatropersona presenta in anteprima il suo nuovo lavoro “L’ombra della sera”. Completano il programma i Sacchi di Sabbia con “Sandokan”, Mario Barzaghi / Teatro dell’Albero con la dimostrazione di lavoro “Il tallone d’Achille del Kathakali”, Nerval Teatro con “Canelupo Nudo”, Teatro Akropolis con “Morte di Zarathustra” e Vittorio Continelli con “Discorso sul mito”, accompagnato in una performance musicale da LeCanaglie (un progetto dell’attore e musicista Massimiliano Setti di Carrozzeria Orfeo). Spazio agli intervalli musicali dal pomeriggio e ai concerti serali con La Banda di Piero, La Rappresentante di Lista, Le Canaglie, Eusebio Martinelli & Gipsy Orkestar.

Lascia un commento