Sviluppo aree interne, approvata la graduatoria dei progetti per le zone fragili della Toscana

Via libera all’attuazione dei progetti sperimentali della Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne. Per la Toscana sono le aree del Casentino e Valtiberina, della Garfagnana con la Media Valle del Serchio, l’Appennino Pistoiese e la Lunigiana, e del Valdarno-Valdisieve insieme a Mugello e Val di Bisenzio, quelle che potranno intanto partire con i progetti. Lo ha deciso la giunta che ha comunque inviato anche le altre candidature (coordinate dall’Unione di Comuni montani dell’Amiata Grossetana e dal Comune di Castelnuovo Val di Cecina) al Comitato tecnico nazionale per il loro inserimento nel pool di progetti che potranno essere finanziati successivamente.

L’assessore alle attività produttive Gianfranco Simoncini ha convocato i sindaci dei Comuni interessati per tutte le cinque aree che avevano presentato la propria candidatura per fare il punto sulla strategia e il percorso da seguire a conclusione del procedimento di selezione, che ha previsto il passaggio dal parere del Nucleo nazionale di valutazione.

Le aree avevano presentato la propria candidatura a realizzare un progetto pilota nell’ambito della strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne, lanciata in parallelo alla discussione sui fondi europei 2014-2020. Il termine per partecipare all’avviso pubblico e finalizzato ad individuare un’area (o al massimo due) su cui avviare un progetto pilota si è concluso lo scorso 15 settembre. Ecco le cinque aree. Si tratta dell’Unione dei Comuni montani del Casentino, il cui progetto interessa anche i Comuni delle aree interne della Valtiberina; dell’ l’Unione dei Comuni della Garfagnana, il cui progetto fa riferimento Unioni dei Comuni di Lunigiana, Media Valle del Serchio e Appennino Pistoiese; dell’Unione dei Comuni Valdarno e Val di Sieve, il cui progetto abbraccia anche i Comuni delle aree interne delle Unioni dei Comuni montani del Mugello e della Val Bisenzio; dell’Unione dei Comuni montani dell’Amiata grossetana, che ha aggregato intorno al progetto le aree delle Unioni dei Comuni delle Colline Metallifere, Colline del Fiora, Amiata Val D’Orcia, Val di Chiana Senese, Val di Merse; del Comune di Castelnuovo Val di Cecina, che ha riunito gli altri 4 comuni dell’Alta Val di Cecina.

Le candidature coinvolgono complessivamente ben 118 Comuni e hanno attivato l’adesione di ulteriori 145 soggetti pubblici e privati.L’obiettivo della Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne è quello di invertire la tendenza demografica allo spopolamento e lo squilibrio di quei territori definiti “fragili”. Si punta a consolidare servizi essenziali, ridurre l’emorragia di popolazione, determinare condizioni per una crescita.

“La strategia che la Regione Toscana ha subito fatto propria – spiega l’assessore alle attività produttive credito e lavoro Gianfranco Simoncini – richiede un’attenzione specifica alle sfide territoriali dell’Unione europea e infatti vi sarà un’integrazione anche con questi fondi.

La Regione, sulla base dello studio metodologico condotto da Irpet per affinare e adeguare al territorio regionale la classificazione di “aree interne”, ha elaborato un documento strategico di indirizzo e successivamente ha definito i criteri e le priorità funzionali per la valutazione dei progetti. I progetti, secondo le direttrici approvate dalla giunta, devono essere indirizzati a riequilibrare i sevizi di base e allo sviluppo delle potenzialità socio-economiche”.

Le risorse a disposizione sono complessivamente pari a 3.740.000 euro di risorse nazionali per area, ma si prevede che alla strategia sarà destinato anche sino all’1% dei Programmi oerativi dei Fondi strutturali (Fesr e Fse), Programma di sviluppo rurale (Feasr) e Programma del Fondo di sviluppo e coesione (FSC).

“Anche in questo caso – conclude l’assessore Simoncini – come Toscana abbiamo voluto anticipare le possibilità di sostegno allo sviluppo di aree delicate e con minori possibilità di crescita. Un anticipo che non è stato solo di risorse, ma permette anche di procedere prontamente. La Regione Toscana, unica a livello nazionale, ha deciso di prevedere che soltanto le prime tre aree possano partire insieme”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Sviluppo aree interne, approvata la graduatoria dei progetti per le zone fragili della Toscana Sviluppo aree interne, approvata la graduatoria dei progetti per le zone fragili della Toscana ultima modifica: 2015-04-02T05:04:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento