Pignola, corso di formazione per tecnici della potatura della vite

Un’iniziativa del Comune di Pignola per la formazione di tecnici della potatura della vite. Lo annuncia l’assessore alla Qualità della vita, Enza Rosa, Con il supporto dell’Alsia e dell’Azienda Sperimentale “Pantano di Pignola” sono previsti due incontri della durata di quattro ore ognuno, per un unico gruppo il 3 e 5 marzo. Le lezioni che si terranno saranno elementi di fisiologia della pianta che sono di fondamentale utilità nella pratica della potatura, forme principali di allevamento e di gestione del terreno, tecniche di concimazione, difesa fitosanitaria e biologica, ma soprattutto, ci sarà la dimostrazione in campo realizzata in un vigneto impiantato da pochi anni da parte di un esperto.

I corsisti si dovranno presentare nelle date indicate per le ore 9:30 a Pantano presso i locali del Comune adiacenti al Santuario Maria SS degli Angeli. Per l’iscrizione c’è tempo fino al 28 febbraio. Il modulo d’iscrizione può essere ritirato presso lo sportello del Comune di Pignola e dovranno essere consegnati a mano presso il protocollo del Comune negli orari di apertura al pubblico.

“Il corso – commenta l’assessore – nasce dall’importanza della vite sia nella storia del nostro territorio che nella valorizzazione della nostra agricoltura. La pianta della vite è inoltre l’elemento ricorrente del nostro territorio perché moltissime persone pur non essendo agricoltori di professione hanno diversi impianti. Negli ultimi anni si è in qualche modo disperso l’insegnamento dei nostri nonni e si vuole offrire agli interessati il patrimonio di conoscenze sulla vite e sulle tecniche di potatura per far riscoprire l’importanza delle competenze manuali e dell’agricoltura come ricchezza”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pignola, corso di formazione per tecnici della potatura della vite Pignola, corso di formazione per tecnici della potatura della vite ultima modifica: 2015-02-26T02:15:56+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento