Si è insediato l’Osservatorio per il riordino delle Province

L’Osservatorio per il riordino delle Province, in attuazione della riforma Delrio e del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri pubblicato il 12 novembre sulla Gazzetta ufficiale, si è insediato venerdì scorso presso la presidenza della Giunta regionale.

L’Organismo, costituito con deliberazione della Giunta regionale, è composto dal presidente della Regione, dai due presidenti delle Province, dal Presidente dell’Anci e dell’Upi, dai dirigenti regionali e provinciali competenti per materia.

L’Osservatorio ha il compito di dare impulso e di coordinare la ricognizione delle funzioni amministrative provinciali oggetto di riordino e di procedere conseguentemente alla formulazione di proposte concernenti la riallocazione di ruoli e compiti presso il livello istituzionale più adeguato.

Le due amministrazioni provinciali hanno già avviato la mappatura delle risorse e dei beni connessi a tutte le funzioni, fondamentali e non, e successivamente, entro quindici giorni, i dati raccolti saranno trasmessi all’Osservatorio nazionale istituito presso il ministero degli Affari regionali e delle autonomie.

Nella seduta di insediamento i rappresentanti della Regione e i due presidenti delle Province di Potenza e Matera hanno avviato un primo esame dei problemi finanziari, procedurali che scaturiscono dal trasferimento delle funzioni provinciali che la norma nazionale ritiene non fondamentali a seguito del nuovo ruolo affidato all’ente provincia .

L’Osservatorio ha anche deciso che saranno convocate le organizzazioni sindacali per un confronto sulle questioni relative all’utilizzo ed al futuro dei dipendenti provinciali nel quadro più generale della riarticolazione delle funzioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Si è insediato l’Osservatorio per il riordino delle Province Si è insediato l’Osservatorio per il riordino delle Province ultima modifica: 2014-11-18T12:58:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento