Firenze, il sindaco Nardella in missione a Nanchino, Ningbo e Shangai

nardellaQuattro giorni in Cina per il sindaco Dario Nardella. Il primo cittadino è partito e si recherà a Nanchino, Ningbo e Shangai per potenziare i rapporti tra Firenze e le tre città cinesi.

La prima tappa sarà a Nanchino, legata a Firenze dal patto di gemellaggio che fu sottoscritto nel 1980 dall’allora sindaco Elio Gabbuggiani: il sindaco Nardella incontrerà il sindaco della città cinese e visiterà il Centro fieristico e conferenze, l’Industrial Design and Creative Center, il Teatro centrale e le copie delle statue di Dante e del David di Michelangelo donate in passato dall’amministrazione comunale fiorentina alla città cinese.

Dopo Nanchino sarà la volta di Ningbo, città amica di Firenze dal 2008, dove il sindaco Nardella parteciperà al seminario ‘Invest in Florence’ sulla promozione delle opportunità immobiliari nell’area fiorentina e incontrerà alcuni rappresentanti dell’ufficio cultura di Ningbo per sviluppare futuri progetti di cooperazione tra Firenze e la città cinese.

Ultima tappa della missione istituzionale sarà Shanghai dove, tra le varie iniziative in programma, il sindaco Nardella parteciperà alle inaugurazioni dell’Incubatore e del China Industrial Design e dove firmerà il Protocollo di cooperazione con la Tonji University.

La missione, organizzata in collaborazione con la Camera di commercio e la Regione Toscana, si inerisce nell’ambito del progetto ‘Investing Tuscany’ della Regione e di Promozione Toscana che prevede eventi internazionali di attrazione investimenti e offerte localizzative.

Firenze ha una propria iniziativa che si chiama ‘Investing Florence’ che fa parte del progetto di marketing territoriale ‘Firenze città dei saperi internazionali’.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, il sindaco Nardella in missione a Nanchino, Ningbo e Shangai Firenze, il sindaco Nardella in missione a Nanchino, Ningbo e Shangai ultima modifica: 2014-10-31T06:34:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento