Milano invia 26 vigili a Genova per l’emergenza alluvione

Genova è in emergenza per il maltempo e Milano risponde alla richiesta di aiuto del Sindaco della città effettuata attraverso l’Anci nazionale: da ieri, infatti, 26 agenti della Polizia locale sono in servizio nel capoluogo ligure, insieme a tutte le altre Forze dell’Ordine e alla Protezione civile locale, in soccorso alla popolazione colpita dall’alluvione dei giorni scorsi.

“In questo grave momento di emergenza per la città di Genova, Milano non fa mancare il proprio aiuto – ha detto Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale, Protezione civile, Volontariato –. Come tre anni fa portiamo nel capoluogo tutta l’esperienza e l’umanità dei nostri agenti che sicuramente saranno in grado di fare la differenza e di essere un supporto concreto per alleviare i profondi disagi della popolazione”.

Gli agenti fanno parte del NSE, il Nucleo Speciale Emergenze della vigilanza urbana e molti di loro erano già intervenuti durante la precedente alluvione di tre anni fa. Ieri sera alle 21 sono partiti da Milano con dieci veicoli e hanno trovato alloggio, insieme ai colleghi di Torino, presso una struttura che ospitava, un tempo, proprio la Polizia locale genovese.

La struttura è stata ripulita e resa operativa, anche grazie al personale della Protezione civile ligure che ha fornito anche le brandine, e diventerà il “quartier generale” dei nostri vigili per tutto il periodo della loro permanenza di circa due settimane.

Gli agenti saranno impegnati giorno e notte, per garantire la sicurezza della città e favorire la viabilità con azioni di blocco, pattugliamento, controllo e interventi antisciacallaggio. E saranno anche a disposizione per eventuali richieste d’emergenza o di supporto alle altre forze dell’ordine.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano invia 26 vigili a Genova per l’emergenza alluvione Milano invia 26 vigili a Genova per l’emergenza alluvione ultima modifica: 2014-10-14T20:17:15+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento