Milano, le esperienze più significative si scoprono a White 2014

Le sperimentazioni più ardite, i linguaggi più  contemporanei e gli stili più avantgarde per la moda donna  si incontrano a Milano grazie a WHITE per presentazione delle collezioni P/E 2015. I 453 brand di abbigliamento ed accessori, rigorosamente selezionati dal  team di WHITE,  esporranno le loro novità nelle tre location di  Via Tortona 27-35-54 dal 20 al 23 settembre 2014. A presentare le novità della 29ma edizione del salone dedicato alla moda contemporary l’ideatore di White Massimiliano Bizzi con  l’assessore alla Moda e Design del Comune Cristina Tajani.

“Un salone in continua crescita ed evoluzione  che si contraddistingue per la qualità, la sperimentazione e l’attenzione ai nuovi linguaggi espressivi” cosi commenta l’assessore alla Moda e Design del Comune di Milano Cristina Tajaniche prosegue: “Con i suoi 453 espositori WHITE dimostra come sia vivo  l’interesse degli operatori italiani ma soprattutto stranierei nello scegliere Milano quale miglior vetrina per presentare le proprie creazioni”

«I numeri del salone dimostrano che, anche in un periodo come questo, la formula di WHITE è vincente sotto ogni profilo» dichiaraMassimiliano Bizzi, presidente e fondatore della rassegna milanese «e i nuovi progetti nati dalla collaborazione con la Camera Italiana dei Buyer moda, in stretta connessione con il Comune di Milano, accrescono il nostro ottimismo per il futuro».

Con i suoi 453 espositori WHITE si conferma quale punto di riferimento internazionale per la moda contemporary attendendo oltre 17mila visitatori.

Tra le novità di questa edizione, lo special guest è il marchio belga Filles à Papa, distribuito nelle migliori boutique e department store del mondo per lo stile del suo mix-and-match easy-to-wear di grande tendenza. Caratteristica del brand, anticonformista e irriverente, è il perfect fit dei singoli pezzi che si possono abbinare con estrema facilità per creare look sempre nuovi, dominati dalle paillette all over.  Sempre dall’estero, per la prima volta in Italia, arrivano dal Giappone le sneakers Losers e le sciarpe Suzusan, mentre partono da Parigi le calzature glamour di Paris in Paris. Una presentazione speciale riservata alla stampa e ai buyer, fissata il 20 settembre, porta alla ribalta la collezione vintage-glam firmata Giuliette Brown & Filippa Lagerback.

Spazio anche ai giovani grazie a INSIDE WHITE, la sezione dedicata alle giovani aziende allo start up. Come quelle dell’anglo-italiana Ada di Vincenzo e di Jennifer De Bruycker, che presenta le sue maglie realizzate con combinazioni di filati sorprendenti. Un altro esempio di alto artigianato è la collezione di Jimi Roos, il designer di origini svedesi, cresciuto professionalmente in Italia. Must-have per la p/e 2015 sono le sue t-shirt su misura.

La 29ma edizione di WHITE ospita, inoltre, le installazioni floreali Mash_Up di Pascale Msellati e Davide Salzano, nella RedMilk Room la mostra curata dal magazine “The Portrait Issue” della fotografa Stefania Paparelli, mentre il catalogo del salone è corredato dagli scatti di Nicolò Parsenzian.

La conferenza è stata l’occasione per annunciare anche la nascita di “TIME CONTEMPORARY BRAND AWARD”  il concorso su scala internazionale, che avrà due edizioni per ogni anno solare: una per la primavera-estate e l’altra per l’autunno-inverno. Vi possono partecipare brand di collezioni abbigliamento e accessori, donna e uomo , creati e/o prodotti da aziende che operano nel contemporary o approdate nel segmento con investimenti e risorse. Per ogni edizione saranno selezionati dodici finalisti e premiati due marchi: uno per l’abbigliamento e uno per gli accessori ai quali WHITE dedicherà una sezione speciale durante le sue successive edizioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, le esperienze più significative si scoprono a White 2014 Milano, le esperienze più significative si scoprono a White 2014 ultima modifica: 2014-09-12T07:09:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento