Napoli, rogo di Città della scienza indagato un custode

Svolta per quanto accaduto il 4 marzo del 2013. Una dei custodi in servizio quella notte è stato iscritto nel registro degli indagini per il reato di incendio doloso aggravato dal metodo mafioso. Secondo la Procura di Napoli, la pista interna è quella più concreta anche se la camorra avrebbe lucrato sull’affare soprattutto legato alla ricostruzione e agli appalti per la bonifica.

Sotto esame da parte degli inquirenti, c’è la polizza assicurativa che proprio l’ente aveva sottoscritto contro gli incendi. I custodi in servizio quella notte furono ascoltati dagli inquirenti diverse volte. Il primo allarme fu lanciato da un pescatore e non dai guardiani del polo scientifico e questo ha insospettito i magistrati.

Il movente sarebbe da ricercarsi nelle difficoltà finanziarie della Fondazione Idis, che regge Città della Scienza, e nei ritardi nel pagamento degli stipendi dei dipendenti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, rogo di Città della scienza indagato un custode Napoli, rogo di Città della scienza indagato un custode ultima modifica: 2014-07-02T07:43:01+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento