Lecco, varato piano per la prevenzione della corruzione

La Giunta Provinciale ha approvato il Piano per la prevenzione della corruzione, un documento di 95 pagine frutto di un enorme lavoro di studio e di individuazione di tutti i processi amministrativi dell’Ente, analizzati in ogni aspetto, dai tempi procedimentali, ai responsabili, ai potenziali rischi, alle misure adottate per prevenire o ridurre il rischio di corruzione.

Il Piano non solo ingloba le misure di prevenzione obbligatorie per legge, ma integra tutti gli altri strumenti programmatori attivi nell’Amministrazione:

  • il Programma triennale della trasparenza e dell’integrità, strumento essenziale per assicurare i valori dell’imparzialità e del buon andamento della  Pubblica Amministrazione, favorendo il controllo sociale sull’azione amministrativa
  • il Codice di Comportamento dei dipendenti, con cui si è dato vita a un corpus organico di norme interne finalizzate alla prevenzione delle illegalità nell’azione amministrativa e alla diffusione di una cultura improntata sull’etica e sulla trasparenza amministrativa
  • i Protocolli di legalità, per contribuire alla realizzazione del preminente interesse pubblico alla legalità e alla trasparenza nel settore degli appalti di lavori pubblici e nei rapporti di lavoro per contrastare infiltrazioni mafiose e criminali in genere
  • il Piano di formazione, che svolge un ruolo centrale nell’azione di prevenzione e di lotta ai fenomeni corruttivi rivolta non solo ai dipendenti dell’ente, ma anche a quelli dei Comuni del territorio

Il Piano Anticorruzione è il documento fondamentale dell’Amministrazione per la definizione della strategia di prevenzione del fenomeno corruttivo che non vuole sostituirsi al ruolo repressivo svolto dalle forze dell’ordine e dalla magistratura, né vuole escludere la partecipazione dei cittadini a questo processo: la spinta che viene dalla società civile per combattere l’illegalità è un elemento essenziale del buon esito delle politiche anticorruzione.

L’attivazione della casella di posta elettronica dedicata anticorruzione@provincia.lecco.it permetterà ai cittadini, alle imprese, alle altre Istituzioni, ai dipendenti e a tutti gli stakeholder di segnalare casi di illeciti concreti o potenziali.

Il documento, pubblicato sul sito istituzionale provincia.lecco.it nella sezione Amministrazione Trasparente, è a tutti gli effetti un atto di pianificazione ad adeguamento dinamico: verrà quindi sottoposto a un continuo aggiornamento per migliorare e rendere sempre più trasparente l’operato dell’Amministrazione.

“L’approvazione del Piano Anticorruzione – commenta il Vice Presidente Vicario Stefano Simonetti – rappresenta una tappa importante del processo avviato dalla Provincia di Lecco nel corso di questo mandato, fondato sui principi di legalità, imparzialità, trasparenza e rigorositàcontro ogni forma di corruzione e di illecito. Già nel 2010 abbiamo adottato il Patto d’integrità, inserito in tutti i bandi provinciali per lavori e forniture di beni e servizi come valido strumento di prevenzione dei fenomeni distorsivi in materia di appalti, che obbliga la stazione appaltante e la ditta appaltatrice a conformare i reciproci comportamenti ai principi di lealtà, trasparenza, correttezza. Ora il nostro Ente, proprio per la sua vocazione di coordinamento e supporto agli enti locali, si propone come presidio di legalità per tutto il territorio. La cronaca locale degli ultimi mesi e quella nazionale dimostrano che non dobbiamo abbassare la guardia verso i fenomeni distorsivi degli appalti. Questo Piano deve fare da volano per giungere alla Centrale Unica degli Appalti come strumento di supporto tecnico e giuridico per tutti i Comuni e i Sindaci della provincia. Uno strumento utile per evitare o prevenire fenomeni come quelli che hanno riguardato nelle ultime settimane due importanti Comuni del nostro territorio”.

“Legalità, trasparenza e correttezza sono le password che garantiscono il principio costituzionale di buon andamento e imparzialità della Pubblica Amministrazione – aggiunge il Segretario e Direttore Generale Amedeo Bianchi, responsabile dell’Anticorruzione per la Provincia di Lecco. L’approvazione del Piano Anticorruzione rappresenta un ulteriore passo avanti in quel percorso di cambiamento della cultura, della mentalità, dei modelli di organizzazione del lavoro nei confronti di una pur se solo ipotetica corruzione. Obiettivo di questo Piano è quello di creare un sistema in continua evoluzione, che sappia coniugare sapientemente la trasparenza e la legalità con i principi di efficacia ed efficienza che devono permeare tutta l’azione amministrativa, per un’Amministrazione sempre più moderna e in grado di garantire livelli di performance elevati”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Lecco, varato piano per la prevenzione della corruzione Lecco, varato piano per la prevenzione della corruzione ultima modifica: 2014-06-06T11:05:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento