Un’area metropolitana di Romagna per cogliere le opportunità europee

Una grande area urbana integrata, la Romagna, di oltre un milione di abitanti. Un sistema policentrico che dovrebbe programmare e agire in modo unitario. Lo ha proposto in un documento, presentato la settimana scorsa, Legacoop Romagna. E la visione trova concorde Damiano Zoffoli, unico candidato romagnolo alle europee per il Pd: “La Romagna è sempre stata la terra dei campanili – commenta – ma il tempo è propizio perché possa agire in sinergia su tutti i fronti. Dalla riforma delle province al ripensamento della presenza dello Stato sul territorio, la Romagna deve cogliere questa fase candidandosi a protagonista del cambiamento. Già oggi questa terra si distingue per il proprio benessere sostenibile, fatto di solidarietà e cooperazione. E sono già in corso collaborazioni nella sanità e nei trasporti. E’ tempo di andare oltre. Ragionando in un’ottica romagnola, in un percorso comune, eviteremo il rischio di rimanere isolati. Al contrario, la Romagna potrà finalmente diventare un’esperienza di riferimento in tutti i campi, dal welfare al lavoro, dall’alimentazione al turismo, passando per l’arte e la cultura”.

“L’Italia è troppo piccola per competere nel mondo globalizzato – continua Zoffoli – per questo c’è bisogno d’Europa. Questa però è troppo grande, quindi ci vuole il sistema Romagna, per fare rete e cogliere appieno anche le future opportunità che la programmazione dei fondi 2014-2020 (tra strutturali e bandi di emanazione diretta) offre al nostro territorio. La mia candidatura, espressione condivisa di tutto il Pd della Romagna alle elezioni europee del 25 maggio, nasce proprio per questo. Posso mettere a disposizione la mia esperienza di amministratore al servizio dell’innovazione in Romagna”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Un’area metropolitana di Romagna per cogliere le opportunità europee Un’area metropolitana di Romagna per cogliere le opportunità europee ultima modifica: 2014-05-16T11:21:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento