Un nuovo attracco per navicelle e satelliti, premiati gli studenti di Ingegneria di Padova

“Drop your Thesis”: è il progetto europeo attuato ogni anno che permette agli studenti di offrire dimostrazioni su esperimenti gravitazionali, sfruttando strutture scientifiche di livello mondiale. In via del tutto eccezionale, infatti, viene concesso loro di utilizzare la Large Diameter Centrifuge, al Centro Europeo di Ricerca Spaziale e Tecnologica dell’Esa, l’Estec, a Noordwijk, nei Paesi Bassi. Grazie a tale iniziativa dell’Agenzia Spaziale Europea quest’anno ha trionfato un gruppo di studenti del Master di Ingegneria dell’Università di Padova, distintisi con il progetto chiamato FELDs (Flexible Electromagnetic Leash Docking system – sistema flessibile elettromagnetico per aggancio ed attracco).
Vincitori assoluti di un premio prestigioso, vedranno il loro esperimento prendere forma “lanciato” dalla torre di caduta libera ZARM, al Centro di Tecnologia Spaziale Applicata e Microgravità a Brema, in Germania.
Gli ambiziosi vincitori, studenti di Ingegneria aerospaziale e delle telecomunicazioni, si sono posti con FELDs due obiettivi: la dimostrazione di un innovativo sistema di attracco per le navicelle e i satelliti, tramite l’uso di un cavo elettromagnetico flessibile, e lo studio delle risposte dinamiche di un simile sistema di cattura.
Sei mesi di preparazione del progetto, sostegni economici offerti dall’Agenzia Spaziale Europea, i consigli e l’esperienza degli esperti delle strutture sperimentali utilizzate, ma soprattutto il talento e la qualificazione. Questa l’alchimia che ha condotto la squadra dell’Università di Padova a distinguersi in tutta Europa, facendosi portatrice di conoscenza scientifica e tecnologica.

9 su 10 da parte di 34 recensori Un nuovo attracco per navicelle e satelliti, premiati gli studenti di Ingegneria di Padova Un nuovo attracco per navicelle e satelliti, premiati gli studenti di Ingegneria di Padova ultima modifica: 2014-05-08T17:31:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento