Torna la campagna per molte donne la violenza è pane quotidiano

Da domani sui sacchetti del pane ricomparirà lo slogan che denuncia il problema della violenza sulle donne “Per molte donne la violenza è pane quotidiano”. L’iniziativa, alla seconda edizione, è resa possibile grazie alla collaborazione fra Centro Veneto Progetti Donna e i panificatori dell’Ascom Confcommercio che aderiscono alla campagna di sensibilizzazione pro-mossa dall’assessore Marta Dalla Vecchia come segnale di attenzione al fenomeno della violenza sulle donne.
Campagne di sensibilizzazione come questa aiutano le donne a conoscere un servizio importante del territo-rio e per questo sanno che possono chiedere aiuto. Sappiamo infatti che il fenomeno della violenza contro le donne presenta un sommerso elevatissimo, il 93%delle donne infatti non parla con nessuno delle violenze subite.
Questa campagna entra direttamente nelle case delle famiglie al fine di sensibilizzarle e trasmettere il con-cetto che la violenza sulle donne è un fenomeno diffuso e strutturale della nostra società; messaggio che sarà veicolato attraverso la diffusione del bene alimentare più comune sulle nostre tavole pertanto potrà arrivare alla gran parte dei cittadini padovani e non solo. Saranno interessati 40 panificatori di Padova. Un grazie all’Ascom che ha dato una mano al progetto.
Insieme allo slogan verrà pubblicizzato il numero gratuito provinciale del Centro Antiviolenza 800.81.46.81 a disposizione di tutte le donne dal Lunedì al Venerdì ore 8,00 alle ore 20,00.
Il Centro Veneto Progetti Donna è un associazione di volontariato che lavora da più di 20 anni a fianco delle donne che subiscono violenza; nel 2013 il Centro Donna ha ascoltato e supportato 720 donne che si sono rivolte al servizio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torna la campagna per molte donne la violenza è pane quotidiano Torna la campagna per molte donne la violenza è pane quotidiano ultima modifica: 2014-04-09T18:31:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento