Bari, codice fiscale per conferire il materiale differenziato e risparmiare sulla Tares

Chi differenzia ci guadagna. Partito il nuovo servizio promosso dall’Amiu e dall’assessorato all’Ambiente per incrementare la quota di raccolta differenziata sul territorio cittadino. Le novità, presentate questa mattina in conferenza stampa dall’assessore all’Ambiente Maria Maugeri, dal presidente e dal direttore di Amiu, Gianfranco Grandaliano e Antonio Di Biase, consistono nella possibilità di utilizzare il codice fiscale al momento del conferimento nei centri di raccolta e di smaltimento Amiu. In questo modo l’operatore, dopo aver pesato i materiali da riciclare, potrà inserire i relativi dati on line specificando la tipologia e la quantità del conferimento. Ogni famiglia, dunque, avrà la possibilità di verificare direttamente sul sito web dell’Amiu le informazioni su quanto differenziato durante l’anno. Ciò consentirà all’Amiu di informatizzare i dati sulla raccolta differenziata effettuata dai cittadini, che a loro volta potranno accumulare dei punti da utilizzare per ottenere il 30% di sconto sulla parte variabile della Tares – Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (nel caso in cui ogni famiglia conferisca 550 kg di materiale differenziato all’anno) o, in alternativa, da spendere come buoni spesa nei centri Ipercoop.
“Si tratta di una novità importante – ha dichiarato l’assessore Maugeri – perché consentirà ai cittadini di avere un ritorno economico, in modo semplice e concreto, rispetto a un comportamento virtuoso. Stiamo cercando di invogliare tutti a fare la raccolta differenziata, che in questo modo potrà servire anche per dare un po’ di sollievo soprattutto alle famiglie numerose”.
“L’iniziativa che presentiamo oggi – ha sottolineato il presidente Grandaliano – non è altro che l’estensione di un’operazione avviata nel 2012, grazie alla quale abbiamo distribuito 46.000 euro di buoni spesa. Quindi, alla luce del regolamento Tares, abbiamo introdotto un metodo nuovo per far sì che i cittadini possano usufruire degli sconti sul tributo comunale e, allo stesso tempo, per fare in modo che l’amministrazione comunale controlli direttamente la veridicità dei dati per famiglia”.
I cittadini potranno avvalersi anche delle isole ecologiche mobili. “Così anche i residenti dei quartieri periferici – ha continuato Grandaliano – potranno accedere facilmente a questi benefici. Inoltre stiamo per implementare il servizio con l’apertura dei centri di raccolta anche nelle ore pomeridiane”.
“Ai cittadini – ha concluso Di Biase – chiediamo di avere un po’ di pazienza durante la prima fase di registrazione al servizio. È bene specificare che la tipologia unica di materiale da differenziare, ad esempio carta e cartone, potrà essere conferita una sola volta al giorno: abbiamo pensato che in questo modo possiamo dissuadere qualche furbetto”. Dopo ogni conferimento i cittadini riceveranno una mail che notificherà quanto differenziato.

Di seguito il programma settimanale delle isole ecologiche mobili (servizio attivo dalle ore 8 alle 12):

– lunedì Via della Felicità (deposito di S. Pio)
– martedì Via Caravella angolo via dei Narcisi (Catino)
– mercoledì Piazza Roma (S. Spirito)
– giovedì Piazzetta c/o l Circoscrizione (Palese)
– venerdì S. Rita (nei pressi della chiesa di S. Rita)
– sabato Piazza della Torre (Torre a Mare).

9 su 10 da parte di 34 recensori Bari, codice fiscale per conferire il materiale differenziato e risparmiare sulla Tares Bari, codice fiscale per conferire il materiale differenziato e risparmiare sulla Tares ultima modifica: 2014-03-04T10:34:58+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento