Pisa, la Camera di Commercio sostiene le aziende flagellate dal maltempo

Il maltempo che nelle ultime settimane ha flagellato l’Italia, non ha risparmiato la Provincia di Pisa, dove sono molte le imprese ad aver subito danni. Per tamponare l’emergenza, la Camera di Commercio di  Pisa ha messo a disposizione un contributo straordinario a fondo perduto, fino ad  un massimo di 10 mila euro per singola impresa, che intende coprire il 30% dei costi delle attività di bonifica del sito produttivo ed il 20% delle spese sostenute per acquistare le scorte necessarie al proseguimento dell’attività.

“Correre in aiuto delle imprese così duramente colpite dal maltempo – afferma il Presidente Pierfrancesco Pacini – non è solo un dovere ma anche un imperativo di ordine morale perché è proprio in queste occasioni che la Pubblica Amministrazione deve mostrarsi vicina alla propria comunità di riferimento che per le Camere di Commercio è rappresentata dalle imprese del proprio territorio”.

Le aziende attive e regolarmente iscritte al Registro delle imprese colpite da esondazioni, alluvioni e allagamenti successivamente al 31 gennaio 2014, su specifica attestazione dei Comuni competenti, potranno presentare richiesta di contributo alla Camera di Commercio di Pisa seguendo le indicazioni del Bando scaricabile sul sito internet della Camera di Commercio di Pisa www.pi.camcom.it alla sezione Sostegno alle imprese / Contributi e finanziamenti.

Le domande di contributo possono essere presentate dal 24 febbraio fino al 31 marzo 2014 salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse. Per informazioni è possibile contattare l’Azienda speciale della Camera di Commercio ASSEFI allo 050-503.275 o scrivendo una mail a assefi@pi.camcom.it.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, la Camera di Commercio sostiene le aziende flagellate dal maltempo Pisa, la Camera di Commercio sostiene le aziende flagellate dal maltempo ultima modifica: 2014-02-25T09:14:53+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento