Potenza, attività svolte per la patologia diabetica

Il Presidente di Alad/Fand, Antonio Papaleo in una nota inviata al neo assessore regionale alle Politiche per la Persona, illustra le attività svolte per la patologia diabetica. Rivolgendosi all’assessore Franconi, Papaleo afferma che bisogna “evitare di incappare nelle complicanze della malattia che, oltre ad essere onerose per la spesa sanitaria, abbattono drasticamente la qualità di vita. In Basilicata siamo da tempo impegnati a definire strumenti e strategie che sappiano prevenire l’espandersi della epidemia in atto, ma principalmente a creare le premesse per una assistenza in linea con le aspettative dei pazienti, a partire dagli assunti del Manifesto dei Diritti della Persona con diabete, che è stato da tempo recepito da tutte le aziende sanitarie lucane e dallo stesso governo regionale; lo stesso dicasi , anche se più recentemente, del Piano nazionale Diabete”. Papaleo afferma, inoltre, che “siamo la prima ed unica regione ad aver allertato l’Osservatorio Regionale sul Diabete (Basilicata Observatory Barometer), in stretto raccordo con quello nazionale di Tor Vergata ; così come ci si è dotati di una Legge regionale innovativa, la 9/2010, che dovrebbe attivare la cosiddetta Rete Territoriale con l’obiettivo di avviare l’integrazione fra i Centri di Diabetologia e i Medici di Medicina generale, consentendo ai primi di migliorare il rapporto medico-paziente ed ai secondi la cosiddetta medicina di iniziativa; in buona sostanza rendere praticabile quel progetto Igea (integrazione, gestione ed assistenza) voluto fino dal 2007 dall’Istituto Superiore di Sanità e che stenta a decollare”. Infine, Papaleo ha ricordato le iniziative svolte sul territorio”. Oltre a chiedere un incontro all’Assessore, Papaleo sollecita la convocazione della speciale Commissione Diabete.

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, attività svolte per la patologia diabetica Potenza, attività svolte per la patologia diabetica ultima modifica: 2014-01-03T12:39:06+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento