Milano, taxi dalla Giunta al via bando per numero unico

Un sistema tecnologicamente avanzato che permetterà di superare l’utilizzo delle colonnine telefoniche nelle aree di sosta dei taxi, a favore di una gestione virtuale del flusso di chiamate, e che trasformerà i posteggi di prossimità in nuovi hotspot della rete Wi-fi comunale.

Sono questi i contenuti principali della delibera approvata dalla Giunta, per stabilire le linee guida della gara di affidamento del nuovo servizio smart di chiamata dei taxi: un sistema che consentirà di realizzare un numero unico per raggiungere i posteggi di prossimità, in grado di inoltrare la richiesta in automatico al primo taxi disponibile più vicino al luogo indicato per il prelievo.

“Finalmente con l’approvazione del bilancio è stato possibile avviare questo importante progetto, su cui Amat e il Comune di Milano stanno lavorando da tempo”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran. “Questo nuovo sistema faciliterà la ricerca di un taxi per gli utenti e permetterà di migliorare il servizio anche per i taxisti stessi”.

La realizzazione del numero unico collegato a un sistema virtuale potrà smistare le richieste anche ai taxi in sosta negli 80 posteggi attualmente privi di colonnina telefonica (su circa 160) e fornirà ai tassisti informazioni in tempo reale sulla distribuzione dell’offerta in rapporto alla domanda.

L’affidamento del servizio per l’implementazione del sistema software e di gestione e manutenzione per i primi 5 anni avverrà tramite gara ad evidenza pubblica in ambito Europeo, seguendo il criterio di aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa.

L’investimento, da suddividere su 5 anni, è di 732.000 euro e si stima l’attivazione del servizio entro l’inizio di giugno.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, taxi dalla Giunta al via bando per numero unico Milano, taxi dalla Giunta al via bando per numero unico ultima modifica: 2013-12-17T02:22:06+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento