Strutture fatiscenti e farmaci e cibi scaduti chiuse 18 strutture per disabili e anziani

I Nas hanno verificato le condizioni igienico sanitarie delle strutture e scoperto anche confezioni di farmaci e cibi scaduti. La Task Force voluta dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ha preso di mira 1000 obiettivi dislocati su tutto il territorio nazionale finiti sotto la lente di ingrandimento dei 38 NAS, che hanno segnalato 102 persone all’Autorità Giudiziaria e 192 a quella sanitaria; accertato 174 violazioni penali e 251 amministrative. Due delle 18 strutture chiuse sono state poste sotto sequestro.

I militari dei Nuclei hanno verificato anche la regolarità delle figure professionali (medici e infermieri) operanti. In particolare, i Carabinieri del NAS di Roma, presso una “Comunità alloggio per anziani” della Capitale, hanno accertato che 3 ospiti, in esubero rispetto al numero di persone autorizzate, erano alloggiati in un locale seminterrato privo di abitabilità ed in pessime condizioni di manutenzione, con pareti invase da umidità ed esfoliazione dell’intonaco.

I militari del Nucleo rinvenendo un’anziana ospite allettata ed in palese stato di disidratazione hanno richiesto l’immediato intervento di personale del 118 che ne ha disposto il ricovero ospedaliero. Nell’ambito dell’ispezione, in un frigocongelatore a pozzetto, sono stati rinvenuti e sequestrati alimenti congelati (petti di pollo e spezzatino di vitella) privi di ogni documentazione utile ai fini della rintracciabilità nonché in cattivo stato di conservazione ed insudiciati perché privi di idoneo involucro protettivo e pertanto posti a diretto contatto con il ghiaccio. Il titolare della struttura e’ stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

9 su 10 da parte di 34 recensori Strutture fatiscenti e farmaci e cibi scaduti chiuse 18 strutture per disabili e anziani Strutture fatiscenti e farmaci e cibi scaduti chiuse 18 strutture per disabili e anziani ultima modifica: 2013-11-20T07:11:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento