Vibo Valentia, perde il lavoro tenta il suicidio in stazione

Un uomo di 56 anni, originario della provincia di Catania, ma da tempo residente a Mileto, a causa della perdita di lavoro e dell’abuso di sostanze alcoliche, stava per lanciarsi sotto un treno nella Stazione di Vibo Valentia – Pizzo. L’uomo, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, dopo essersi incamminato lungo la direzione nord della linea ferrata ha atteso il treno proveniente da Reggio Calabria e diretto a Milano.

Gli uomini della Questura diretti dal dirigente capo, Antonio Lanciano, ricevuta una segnalazione dalla Sala operativa, si sono precipitati sul posto e resisi conto della direzione presa dal malcapitato l’hanno rincorso lungo i binari nel disperato tentativo di raggiungerlo prima che arrivasse il treno. L’uomo è stato afferrato da un poliziotto nell’attimo in cui stava per gettarsi sotto il treno, mentre un altro agente della Questura è corso lungo i binari per segnalare al macchinista l’imminente pericolo riuscendo a far rallentare il treno.

Lascia un commento