Roma, ritrovato l’arsenale di Gianni Cretarla

Una “scorta” di armi della ‘ndrangheta riconducibile a Gianni Cretarola, 31 anni killer di Vincenzo Femia, boss legato alle cosche calabresi di San Luca ucciso a gennaio. Dopo aver fatto irruzione in un box del giovane, arrestato questa settimana, i poliziotti hanno trovato diverse armi.

Secondo gli investigatori, Vincenzo Femia potrebbe essere stato ucciso perché si opponeva all’apertura di un locale della ‘ndrangheta nella Capitale.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin