Bari, nasce il Centro di documentazione sociale

Partirà, a breve, presso la Biblioteca provinciale Santa Teresa dei Maschi – De Gemmis, il Centro di documentazione Sociale della ex Scuola Superiore di Sicurezza e Servizio Sociale della Provincia di Bari.

Una vera e propria biblioteca tematica, in continuo aggiornamento, che permetterà agli operatori del settore di avvicinarsi a questa realtà e meglio comprenderla, anche attraverso la scoperta di documenti originali in materia di assistenza sociale che fanno parte degli archivi della Provincia di Bari.

L’idea è nata a seguito di un incontro, presso il Palazzo della Provincia di Bari, fra il Presidente Francesco Schittulli, il presidente dell’Ordine Assistenti Sociali, Giuseppe De Robertis, il Comitato Scientifico dell’Associazione di Promozione Sociale “Carmela Giordano” presieduto da Giulia Cocumazzo e coordinato dal direttore della Fondazione Zancan di Padova, Tiziano Vecchiato, la Dirigente del Servizio Politiche Sociale della Provincia di Bari, Rosanna Lallone, dall’avv. Gianvito Mastroleo, ex Presidente e memoria storica dell’Ente, da Stefano Bianco e da alcuni docenti del Corso di laurea in Scienze del Servizio Sociale dell’Università di Bari.

Obiettivo del Centro di Documentazione Sociale non solo sarà quello di custodire, attraverso una corretta catalogazione e strutturazione, l’ampio materiale già esistente, che racchiude le testimonianze di vita di individui, vicende umane e storie collettive quanto mai attuali anche se risalenti a cinquant’anni fa, ma anche arricchire questo patrimonio con nuovi contributi da parte dei sevizi socio-sanitari e con l’ausilio delle nuove tecnologie.

“Salvare e recuperare questo immenso capitale culturale – afferma il presidente Schittulli – significa salvare la nostra storia, ricostruire e tutelare la nostra memoria, assolutamente necessario in questo periodo di crisi sociale ed umana. Per tali ragioni è fondamentale dare concretezza alla realizzazione del Centro di documentazione sociale. Come presidente dell’Upi Puglia, inoltre – prosegue Schittulli – mi auguro che a questo progetto aderiscano e collaborino anche le altre Province pugliesi, così come hanno già dichiarato quelle di Foggia e Taranto, per poter recuperare tutto il materiale esistente ed essere in grado di creare ed indicare ipotesi di prospettive future in un settore, quale appunto il sociale, in continua espansione che offre ancora diverse opportunità di lavoro”.

Nei prossimi giorni, verrà stipulato un protocollo d’intesa tra Provincia di Bari, Ordine degli Assistenti Sociali, Associazione di Promozione Sociale “Carmela Giordano” e Corso di laurea in Scienze del Servizio Sociale dell’Università di Bari, per procedere alla strutturazione del Centro di documentazione sociale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bari, nasce il Centro di documentazione sociale Bari, nasce il Centro di documentazione sociale ultima modifica: 2013-04-09T10:32:26+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0