Udine, due ragazzine di 15 anni uccidono un sessantenne

Si sono “consegnate” ai Carabinieri di Pordenone accusandosi dell’omicidio dell’uomo trovato morto domenica in un campo alla periferia del capoluogo friulano. La morte dell’uomo sarebbe stata causata da una loro reazione a un tentativo di violenza sessuale. Le due ragazzine avrebbero ucciso l’anziano soffocandolo. Poi si sarebbero allontanate dal luogo a bordo dell’automobile dell’uomo. Quindi l’avrebbero abbandonata per andare a costituirsi ai militari.

Le due ragazzine sono state condotte in Questura a Udine, dove è giunto il magistrato di turno della Procura presso il Tribunale dei minorenni di Trieste. Gli accertamenti sono svolti dalla Squadra Mobile friulana.

La vittima è stata identificata, anche se finora non ne è stato reso noto il nome. Si tratta di un uomo di 61 anni, anch’egli residente a Udine. L’uomo era stato trovato nel pomeriggio di domenica privo di vita in un campo. Riverso a terra, aveva i pantaloni abbassati. Sul posto era giunto il pm di turno Claudia Danelon.

Un testimone ha riferito alla Polizia di aver visto tre persone (l’uomo e due donne) nello stesso campo di via Buttrio dove, più tardi, ha trovato lui stesso il cadavere. Era passato nella zona nel pomeriggio, notando i tre nel campo vicino ad un’auto di piccola cilindrata. Poi si è allontanato ed è tornato nello stesso posto dopo un’ora con il suo cane. E’ stato proprio l’animale ad indicare la presenza di qualcosa di strano. Lui si è avvicinato e ha notato il corpo, riverso a terra, coi pantaloni abbassati. La vittima non aveva alcun documento addosso, calzava però scarpe da città pur essendo su una stradina di campagna. A trovare il cadavere un residente della zona che stava tornando verso casa. Sul posto non c’erano invece più le due donne nè l’auto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Udine, due ragazzine di 15 anni uccidono un sessantenne Udine, due ragazzine di 15 anni uccidono un sessantenne ultima modifica: 2013-04-08T10:39:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0